In June

work in progress: intervista agli In June

In attesa di pubblicare “Collapse”, il nuovo ep in arrivo a breve, gli In June fanno uscire “Work in Progress”, nuovo singolo contraddistinto da un battito continuo e in crescendo, accompagnato anche da un lyric video. 

Click here to display content from YouTube.
Learn more in YouTube’s privacy policy.

Abbiamo intervistato la band per farci raccontare qualcosa di più sul loro lavoro. 

Ciao, ci raccontate come nasce “Work in progress”, il vostro ultimo singolo?

Ciao! Work in Progress è nata da una lunga bozza voce e chitarra di Dan, è cresciuta insieme a noi. La suoniamo ormai da qualche anno in sala prove, ma è stato letteralmente un “work in progress”, un lavoro in corso, ha preso forma e si è plasmato a seconda delle nostre emozioni e ispirazioni. Lentamente è venuta fuori questa canzone introspettiva ed intima, che nella prima parte si prepara ad esplodere con tutti gli strumenti che diventano potenti tutti insieme, con il basso, la chitarra elettrica e la batteria che diventano protagonisti del pezzo, accompagnando la voce nelle sue dinamiche alte e basse. 

Un lavoro su se stessi che non finisce mai: quanto c’è di autobiografico nel testo del brano?

Il testo è molto autobiografico. Nasce nell’estate del 2020, quando si ricominciava ad assaporare un’aria di libertà che sembrava però forzata e poco stabile, il che era proprio così. Tra l’incertezza e la paura del periodo, che per noi musicisti non offriva alcuna prospettiva ottimistica, ci si ritrovava spessissimo a guardarsi dentro e fare i conti con il punto in cui si era arrivati. La sensazione era quella di dover tirare le somme, e purtroppo, specie in quel periodo, quando ci si guarda dentro con l’intenzione di trovare successi molte volte ci si sente soli e ancora tutti da costruire e rifinire. 

  Tiziana Raciti: la Tina Turner della Sicilia si racconta

Come si collega questo singolo con l’ep in arrivo a breve?

Il singolo fa da perfetto collante tra il nostro primo EP “Common Grounds” e il nuovo EP “Collapse” in uscita il 22 Marzo 2024. Nell’EP si trattano i temi dell’introspezione e della difficoltà di fare i conti con il mondo, con se stessi e con le relazioni. Inoltre, la particolarità dell’EP sono le sonorità più cupe e ricercate che sono già palesate in “work in progress”.

Che fase storica state affrontando, come band?

Siamo molto contenti in questa fase storica, perché siamo maturati, ci sentiamo indipendenti e liberi. È una fase storica in cui ci sentiamo molto dentro noi stessi e dentro la nostra musica, e abbiamo la fortuna di nutrirci delle esibizioni live che ci danno sempre la carica per cominciare qualcosa di nuovo. Ci sentiamo anche pienissimi di cose nuove da voler condividere e far arrivare al pubblico. In trepidazione! 

Avete fatto qualche scoperta musicale interessante, nell’ultimo periodo?

Abbiamo fatto tante scoperte ultimamente. Mara e Dan condividono la scoperta dei Big Thief e di Adrianne Lenker, Pier si sta appassionando ai This will destroy you. Tutti e tre però stiamo facendo anche delle riscoperte. Riarrangiando alcune loro canzoni, ci siamo resi conto di quanto i Linkin Park siano moderni, attuali e al passo con i giorni nostri, e ci stiamo divertendo molto a farli un po’ nostri. 

Che cos’avete in programma per i prossimi mesi?

Nei prossimi mesi presenteremo l’EP in giro per l’Italia con qualche data qui e lì che stiamo organizzando. Abbiamo in programma di arrivare sicuramente a Milano e dintorni per qualcosa di speciale, e sicuramente vogliamo anche cominciare a lavorare su quei brani nuovi che ci stanno aspettando. Il nostro sogno è registrare un album!

  Salvo La Monica conquista il web...e Striscia La Notizia

Segui gli In June su Facebook e Instagram