Se non spicco il volo“, il nuovo singolo che porta la firma di Francesco Esposito. Un nuovo capitolo per il cantautore napoletano che segue il precedente “Bonsai”. “Se non spicco il volo” Γ¨ un brano pop, con tanta chitarra acustica, ed in qualche modo un manifesto generazionale che vi farΓ  innamorare sin dal primo ascolto.

Ecco cosa ci ha raccontato Francesco Esposito nell’intervista

Perché secondo te Γ¨ tornato di moda il cantautorato in quest’ultimo periodo?Β 
Non so se Γ¨ tornato di moda. Non so neanche bene se sia mai passato di moda. So che non deve mai essere semplicemente una moda. Semplicemente, dev’essere un impulso creativo naturale. Un’esigenza, innanzitutto. Altrimenti non ha senso.

Segui realtΓ  come Sanremo o X-Factor? Che ne pensi della musica che passa in tv?Β 
Sincero: non ho mai seguito X Factor. Invece il Festival in tv lo guardo con piacere. È un appuntamento nazional-popolare, poi se ne parla per settimane. E devo dire che negli ultimi anni a Sanremo ho potuto ascoltare diverse cose interessanti. Soprattutto l’anno scorso: da Fulminacci ai Coma Cose passando per Colapesce e Di Martino e i Maneskin che poi hanno vinto. Sono stati bravi a proporre qualcosa di fresco, non la solita solfa.

Hai mai pensato ad un talent o a un lancio televisivo per il tuo progetto?Β 
No, non ci ho mai pensato. Penso che sia presto. Poi, col tempo, si valuteranno tutte le prospettive.

Durante quest’ultimo periodo diversi artisti (anche del calibro di Nick Cave o simili) hanno realizzato concerti in streaming. Hai visto qualcosa di interessante? Hai fatto tu stesso qualcosa in tal senso? Come sei sopravvissuto alla mancanza di live in questo periodo?
È bello utilizzare gli strumenti digitali in modo propositivo. La situazione pandemica è una situazione complessa, si soffre sotto tanti punti di vista. Rinunciare a occasioni come i live è sicuramente doloroso.

Hai giΓ  avuto modo di esibirti dal vivo?
Si, qualche volta si.

E adesso?
E adesso continuo a scrivere e a strimpellare. A portare fuori quello che sento di poter dire. Sperando che venga fuori qualcosa di interessante.