Un Re - Sandro Barosi

"UN RE" è il nuovo singolo del cantautore Sandro BAROSI

Dopo il successo di “Calvatown” e “Jack”, Sandro Barosi torna con “Un re”. Questo singolo, totalmente autoprodotto,  è un'anticipazione del suo prossimo EP, che promette di essere un lavoro straordinario e molto atteso, in quanto “Mi sento un Re” farà da reprise per concludere la storia che il cantautore cremonese ci racconta. 

IL CANTAUTORE CREMONESE DI "CALVATOWN" TORNA CON IL NUOVO SINGOLO INCENTRATO SUL TEMA DELL'INTROSPEZIONE

Il singolo "Un Re" è disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming musicale.

Foto1

Un Re” è una canzone che affronta temi profondi e universali, toccando le corde dell'amore, della perdita e della ricerca di identità. Con un testo intenso e l'accompagnamento alla chitarra che richiama i ritmi dei cantastorie,  l'artista offre una prospettiva personale e appassionata sulla vita e sulle sfide che affrontiamo lungo il nostro cammino.

La canzone inizia con una domanda intrigante: "Son forse morto annegato in fondo al mare, allora dovrei tacere o cantare? E se son vivo ancora e suona la sirena, che fare? Che cosa dire a mamma che mi aspettava per la cena?". Queste parole incisive gettano le basi per una storia avvincente che parla di conflitti interiori, di incertezza e di decisioni cruciali. Con la sua voce unica e la capacità di comunicare sentimenti profondi attraverso la musica, Sandro Barosi dimostra ancora una volta il suo talento e la sua versatilità come cantautore.

«Ho scritto “Un Re” durante il periodo della pandemia del COVID-19. È un brano che riflette le sfide e le esperienze che molti di noi hanno affrontato in questi tempi straordinari. La canzone è nata da un desiderio di esplorare il mio mondo interiore durante questo periodo di reclusione forzata nel “castello” delle nostre menti. Il lockdown ha portato molte persone a fare una sorta di viaggio interiore, cercando di capire chi siamo veramente e cosa conta davvero nella vita. Abbiamo trascorso tanto tempo da soli, riflettendo sui nostri pensieri più profondi e sulle nostre emozioni. La metafora del “castello” nel testo rappresenta proprio quel senso di isolamento e riflessione. Mentre il mondo esterno sembrava scomparire, ci siamo trovati a confrontarci con noi stessi in modi che forse non avevamo mai fatto prima. Abbiamo affrontato paure, incertezze e speranze, e tutto ciò si è riflettuto in questa canzone. Questo pezzo è un viaggio emotivo che ho voluto condividere con il mio pubblico. Spero che questa canzone possa risuonare a chiunque abbia vissuto momenti di introspezione e incertezza durante quel periodo difficile. La musica è un mezzo straordinario per esprimere le nostre emozioni e connetterci con gli altri, e spero che questa canzone possa fare proprio questo».

Barosi

https://www.instagram.com/sandrobarosi

Benedetta Zibordi
Benedetta Zibordi