Astro

Kinozoe: un "Astro" immerso nell'elettronica e nella sperimentazione

"Astro" di Kinozoe è un album che riesce a coniugare sapientemente elementi di musica elettronica, ambient e sperimentale, creando un'esperienza sonora unica e immersiva. Lanciato in orbita dallomonimo singolo, "Astro" è caratterizzato da intense sonorità elettroniche e un timbro di batteria che riporta alla mente gli anni '90. 

Il brano "Astro" si contraddistingue per il suo testo che richiama lo stile di vita grunge, derivante dal termine grungy,” popolare negli anni Settanta per descrivere qualcosa di sporco e grezzo. Questo spirito ruvido e malinconico esplora la resilienza umana di fronte alle difficoltà, esprimendo un senso di sopravvivenza e determinazione.

Il primo brano, "Terza Classe," apre l'album con una riflessione sulla condizione umana, stabilendo un tono introspettivo e profondo che permea l'intero disco. Proseguendo con "Di Che Pasta Sei Fatto," l'album entra in una fase più esplorativa, indagando l'essenza della personalità e della forza interiore. "Millennial" e "Il Rock è Morto" offrono un commento critico sulla società contemporanea e sul cambiamento dei tempi, utilizzando suoni complessi e stratificati, con l'uso di sintetizzatori modulati e campionamenti ambientali.

La capacità di Kinozoe di creare atmosfere attraverso la musica è evidente in tracce come "Comfort Zone", che esplora la tensione tra sicurezza e crescita personale. Le sonorità elettroniche intense sono spesso animate da piccoli glitch, deviazioni dal percorso e piccole sorprese che mantengono l'ascoltatore coinvolto. Questa caratteristica è particolarmente evidente in "Morfeo" e "Charlton Heston," che continuano a giocare con metafore e riferimenti culturali, introducendo provocazioni e sorprese.

"Voglio di Più" chiude l'album con una nota riflessiva, riportando l'ascoltatore sulla Terra, ma non senza lasciare un'impressione duratura. Le sonorità tornano a essere più calme e riflessive, con un tocco finale che suggerisce un senso di compimento e ritorno. Questa chiusura circolare è un omaggio al ciclo infinito del cosmo, e rappresenta una conclusione soddisfacente per un viaggio musicale affascinante ed evocativo.

Kinozoe, vocalist dei TXDSMOOK, si avventura in questo progetto solista dopo anni di esperienza con la sua band. Il suo viaggio musicale è iniziato nel 2010, culminando nella fondazione dei TXDSMOOK nel 2014. Con il loro singolo "Apologia di Reato" e l'album "Web Line," la band ha ottenuto un notevole interesse da parte della stampa musicale. "Astro" rappresenta una naturale evoluzione per Kinozoe, unopportunità per esplorare nuove frontiere sonore e tematiche. 

Ogni traccia dell'album riflette una parte del suo viaggio personale e artistico, offrendo agli ascoltatori un'esperienza ricca di sfumature. In conclusione, "Astro" non è solo un album, ma una dichiarazione di intenti, una dimostrazione della capacità di Kinozoe di adattarsi, innovare e creare musica che risuona con il pubblico a un livello profondo.

Click here to display content from Spotify.
Learn more in Spotify’s privacy policy.

https://www.facebook.com/Kinozoee

  “ASTRO” È IL NUOVO ALBUM DI KINOZOE
Roberto
Roberto

Ideatore e Fondatore di Diffusioni Musicali, collaboro con diverse realtà del settore musicale per promuovere con esse giovani artisti e musica emergente.