Vai al contenuto
  • 2 min read

VOLUME 1 Dei 3g project

“Volume 1” è il nuovo EP, nonché debutto discografico dei 3G Project, rock band bolognese. Per quanto questo possa essere un vero e proprio “inizio” a livello discografico, ci troviamo davanti ad una band a cui di sicuro non manca l’esperienza, infatti il progetto è attivo dal 2018. 

Questo EP è un bel biglietto da visita e presenta perfettamente tutti gli intenti della band composta da Stefano Giuliani (batteria), Alberto Giovannini (basso) e Mauro Gardella (chitarra e voce). 

Si apre con “Dream”, brano appunto sognante trainato da un rock blues che ci riporta a sonorità del passato ma che con una produzione davvero all’altezza non sfigura nemmeno nel 2022. “I Believe” ci porta sulle strade che virano verso il funky, un brano in cui è impossibile stare fermi, accattivante e trascinante. La strumentale “Maysha” è un momento evocativo e collocato alla perfezione in questo ep, qui possiamo davvero apprezzare le doti dei musicisti e l’affiatamento della band, nonché una composizione davvero eccellente. “Prayer”, una ballad davvero emozionante dove la voce e la chitarra di Mauro Gardella riescono a dare un tocco di classe e grinta incredibili, interpretazione che rimanda molto al miglior Richie Kotzen, davvero superlativo.  “Supernatural” chiude questo lavoro e lo fa alla grande, energia, blues, funk, rock, voce che non conosce nessuna paura di osare (con alcuni rimandi al buon David Coverdale dei tempi andati) e un testo molto introspettivo. 

In definitiva questo “Volume 1” è un EP promosso alla grande, che presenta del sano rock vecchio stampo, prodotto davvero bene. Nulla di nuovo forse, ma se la qualità è questa, non abbiamo nulla di cui lamentarci.

Thomas Libero

nv-author-image

desa-comunicazioni

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.