Read Time:3 Minute, 16 Second

Collaboration – Remix è la nuova versione del pubblicato nel febbraio 2021 dalla giovane artista italo-senegalese Oumy, in uscita per la label perugina , edito da e distribuito da Believe.

Molto apprezzato anche da addetti ai lavori come TRX Radio e DLSO, il prende oggi nuove sfumature grazie al remix ufficiale a cura del producer romano classe ‘96 Grindalf. Già noto nel panorama urban per il suo tocco distinto su remix di brani come Soldi di Mahmood e Fata Morgana di Priestess, Grindalf è uno fra i più talentuosi artisti in grado di muoversi agilmente tra il mondo hip hop e quello dei suoi “fratelli di sangue”, a volte discostandosene completamente con esperimenti decisamente più estremi. Uno di questi è il recente lavoro congiunto con Giovapiùgiova, in cui esplora le sonorità scure e più aggressive del punk.

Un singolo che racchiude in sé il bisogno di chiamare all’unione e alla collaborazione tutti coloro che combattono contro ogni forma di discriminazione. La lingua inglese è scelta proprio per questo scopo, puntando a coinvolgere un pubblico che si ritrovi universalmente nelle parole dell’artista.

“Un po’ di mesi fa, quando è uscita ‘Collaboration’, Grindalf ci ha scritto perché gli sarebbe piaciuto farne il remix. Sono stata felicissima di questa proposta. Credo che una delle cose belle della sia conoscere, scambiarsi idee e collaborare con altri artisti”, racconta . “In seguito, appena ci ha mandato il remix finito, ci è piaciuto talmente tanto che abbiamo deciso di creare un lyric con Adhiira, che è un grafico e un visual designer pazzesco. Collaborare con questi artisti mi ha reso davvero soddisfatta”.

 Guarda il lyric video su Instagram

Bio Oumy

Oumy

Oumy nasce nelle Marche da mamma italiana e papà senegalese. Grazie ai suoi genitori si appassiona fin da piccola all’arte e alla musica, essendo sua madre una pittrice e suo padre un percussionista, che la trasportano in un mondo fatto di sonorità soul e funk e la fanno avvicinare alla musica senegalese. Ha modo di iniziare a studiare danza e recitazione all’età di sei anni, entrando nella scuola di recitazione E. Cecchetti, fondata da sua nonna. Quando suo fratello, Ibrahima, inizia a suonare la chitarra, cominciano a cantare e a scrivere la loro musica, fondando insieme il gruppo NIO, con il quale partecipano per due anni consecutivi al Ferrara Buskers Festival vincendo i concorsi Voci del mediterraneo e Sottosuolo Spring Festival, che gli permetteranno di aprire i concerti a diversi gruppi come Nidi D’Arac, Mama Marjas, 99Posse e i Bisca Nel 2017 si presenta loro l’occasione di aprire Toni Momrelle, uno dei cantanti degli  Incognito presso l’Alcazar di Roma, e successivamente Oumy si trasferisce definitivamente nella capitale, iniziando così una carriera da solista. Nel 2018 canta in I’d Like to Be With You, singolo pubblicato da Irmadance Floor, e nello stesso anno viene chiamata a partecipare con una sua canzone prodotta da Virtus di RedGoldGreen nella compilation reggae edita dall’etichetta La Grande Onda di Piotta. Sempre nello stesso anno partecipa al concorso Music Gallery vincendo il primo premio nella categoria “Inediti” ed il prestigioso premio Mogol, il quale gli permette di entrare nella sua scuola, il CET. La sua carriera continua, dapprima come corista di Fedez nel 2019 e, successivamente, in tour con Alex Britti nel 2020.  Attualmente Oumy ha all’attivo due progetti di inediti, i NIO, con i quali ha pubblicato a settembre del 2019 il loro primo singolo Woman, e il suo progetto da solista con il suo compagno, il producer Maso, con il quale ha pubblicato quattro singoli: Cooking Rice, Heart Speaks Truth, Collaboration e e 9 to 5. Nei suoi testi, Oumy vuole esprimere le sue emozioni, attraverso le quali cerca di dare un messaggio sull’importanza di trovare la propria luce interiore e l’amore per se stessi.

Close