Vai al contenuto
  • 3 min read

“Nicolò Marangoni Uragano Un film di Broadway” è il nuovo singolo

"nicolò marangoni uragano un film di broadway” è il nuovo singolo

In radio e negli store digitali “Uragano – Un film di Broadway” (Senza Dubbi/Believe), il nuovo singolo del cantautore Nicolò Marangoni, una ballad intensa che unisce il cantautorato della nostra tradizione con le sonorità pop più moderne.

Il brano (produzione, mix e master Take Away Studios), che fa parte del disco “In qualche altra vita”, porta anche le firme di Davide Marchi ed Andrea Pelliciari. Il regista del videoclip, online sempre dall’8 Aprile, è Riccardo Sammartini (Samma).

Questo primo album, uscito il 25 Marzo, nasce da una percezione molto forte e presente nella vita dell’artista di avere come lasciato qualcosa, qualcuno da qualche parte nel mondo, nel tempo. Le canzoni hanno una funzione di mantenere uno spiraglio aperto di una porta, dove quel poco che ci è dato vedere, immaginare e ricordare, è un altrove appartenente ad un’altra vita che però è sempre vicina, reale, tangibile, insomma che in qualche modo ci appartiene, a volte anche molto di più di quella di ogni giorno. Ogni parola vuole essere così un tentativo di rimarcare come dei passi sulla neve, di mantenere una traccia o come di lanciare delle sonde nel passaggio dei secoli e vedere se qualcuno risponde.

Nicolò: “Uragano è una storia d’amore e rivoluzione, o meglio di un amore rivoluzionario. Un amore che se ne “frega” del mondo, delle mode, un amore che mi mette a nudo con sincerità già dalle prime strofe, quando gli confido cosa mi manca, cosa mi fa paura. Un amore come un film, come appunto un uragano, che arriva inaspettato e se ne va con violenza, perché tutti gli adii in qualche modo sono violenti”.

https://www.youtube.com/watch?v=Hav0Dausgrc

Traklist “IN QUALCHE ALTRA VITA”:

  1. Ovunque tu voglia che sia 2. Belle Èpoque 3. Moulin Rouge 4. Uragano – Un film di Broadway 5. Dannie 6. Rovine 7. Una come te 8. La geografia dei nostri sguardi 9. A Torino 10. Da cuore a cuore (+outro)

Biografia

Nicolò Marangoni nasce a Noventa Vicentina il 5 febbraio del 1999. Il suo percorso artistico ha inizio con lo studio della chitarra acustica e successivamente del pianoforte all’età di 14 anni. Con questi due strumenti inizia così a scrivere le sue prime canzoni. Nel 2016 inizia la collaborazione con il produttore Simone d’Eusanio (turnista e arrangiatore per alcuni cantanti italiani) con cui cresce sia artisticamente che personalmente. Sempre nel 2016 partecipa alla scrittura del libro collettaneo “La mia prima volta con Fabrizio De Andrè”, con prefazione di Dori Ghezzi. Nel 2019 inizia a lavorare sulle nuove canzoni con lo studio Take Away di Modena fino alla recente realizzazione del suo primo album, in uscita il 25 marzo 2022. Nel maggio del 2020 firma un contratto di distribuzione con Believe, con la quale pubblica i singoli “Flaubert”, “La tua stanza piena di fiori”, “La geografia dei nostri sguardi” e “A Torino”. Nel 2021 viene selezionato per partecipare al concorso Universal per autori “Genova per voi”, con cui conosce diversi discografici e autori del panorama attuale, conclusosi con una esibizione live al Teatro Della Tosse di Genova e in diretta streaming sui canali della Siae. Le canzoni per Nicolò sono una resistenza al disordine, una porta aperta su un’altra vita lontana che sente di aver vissuto o verso la quale, forse, sta andando. In contemporanea al suo percorso artistico sta studiando “Scienze dello spettacolo” presso l’università di Padova, dove attualmente vive.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.