Vai al contenuto
  • 3 min read

KAUFMAN: in uscita il 15 ottobre il nuovo album per INRI PARKOUR (LATO A) anticipato dal singolo JUDO

PARKOUR (LATO A) è il nuovo disco dei KAUFMAN, in uscita per INRI il 15 ottobre 2021. La band bresciana torna con un nuovo progetto, pronta a riconquistare la scena indie-pop italiana, dopo l’ultimo album Belmondo (2017) e i numerosi singoli costellati di featuring (Galeffi, Legno, Asia Ghergo) inseriti nelle principali playlist redazionali di Spotify e in rotazione su diversi network radiofonici nazionali. Il disco, anticipato proprio dai brani Trigonometria (feat. Legno) e 3 Gin Tonic, è trascinato dal singolo JUDO, che vede il featuring di un altro portabandiera della scena indie-pop, CIMINI, e la produzione di DADE.

In questi anni Lorenzo Lombardi, voce e penna della band, si è inoltre dedicato all’attività di autore scrivendo tra gli altri per Luca Carboni, Marianne Mirage, e Max Gazzè (due canzoni nel suo ultimo La Matematica dei rami).

Parkour (Lato A) s’immerge in una scrittura sincera e nella narrazione di scene di vita reali, quotidiane, in cui chi ascolta può immedesimarsi. È questa l’arma vincente dei KAUFMAN, che si fanno portavoce di una generazione disinvolta ma inquieta, figlia di tempi incerti. Le sonorità indie-pop accompagnano tutte le otto tracce, in un racconto ad occhi aperti della precarietà e delle difficoltà, raccogliendo le vite dei KAUFMAN ma anche di tanti altri amici e colleghi che hanno partecipato al disco: Legno, Cimini, Dade e Rossella Essence. In Parkour (Lato A) non mancano poi i richiami alle icone indimenticabili della cultura pop e una poetica sognante e malinconica, da sempre nel dna della band.

“Parkour (Lato A) nasce dall’urgenza di raccontare vite in bilico tra i continui ostacoli di questi anni strani di una generazione. In costante alternanza tra il desiderio di volare sopra i tetti delle città e la paura di cadere. Tra andare ai concerti e non poterlo fare, tra vivere e non riuscirci in pieno, tra innamorarsi e mantenere le distanze, tra avere sogni e poi capire quanto è complicato, a volte, realizzarli. E più grandi sono più dobbiamo essere molto agili e veloci, attenti a prendere i giusti appigli per darsi la spinta verso l’alto. Più grandi sono più poi è facile cadere.” (Kaufman)

TRACKLIST & CREDITS
1. Bart Simpson / 2. Trigonometria (feat. Legno) / 3. Judo (feat Cimini) / 4. 3 Gin tonic /
5. Universo / 6. Lelaina (prod. Dade) / 7. Aston Martin (prod. Rossella Essence) / 8. Babilonia

BIO
I Kaufman sono Lorenzo Lombardi, Alessandro Micheli, Matteo Cozza, Simone Gelmini.
Vivono tra Brescia, Bergamo e Verona e fanno un indie pop super emotivo.
Hanno raccontato delle storie ma ne hanno ancora molte che sentono l’urgenza di raccontare.
Tipo storie ig, ma con il pianoforte e la chitarra. Che funziona anche meglio.
Nel 2017 esce Belmondo per Inri/Metatron (poi Polydor/Universal) con i singoli L’età difficile e Macchine Volanti.
Poi escono alcuni singoli tra cui Malati d’amore (feat. Galeffi) e 3 Gin Tonic.
Lorenzo nel frattempo si dedica anche all’attività di autore scrivendo tra gli altri per Luca Carboni, Marianne Mirage, e Max Gazzè ( 2 canzoni nel suo ultimo La Matematica dei rami)
Il 15 Ottobre esce Parkour (Lato A) con i singoli Trigonometria (feat Legno) e Judo (feat Cimini) con la produzione di Dade.

IG: https://www.instagram.com/kaufman_la_band/
FB: https://www.facebook.com/kaufmanband

nv-author-image

Francesca

Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.