Vai al contenuto
  • 3 min read

wasabe: “Spegnimi la testa” è il nuovo brano

Spegnimi la testa è il nuovo singolo della cantautrice vicentina wasabe, in radio e digital da venerdì 8 Aprile per Aurora Dischi / ADA Music Italy.

Il brano che arriva dopo i buoni consensi del brano “Farfalle”, inserito da Spotify nelle playlist editoriali “Scuola indie” e “EQUAL Italia”, parla delle piccole cose positive e belle in una relazione, quelle più semplici ed intime che a volte si ha paura di perdere. La necessita di trovare nell’altra persona un appoggio, ed una sicurezza, soprattutto quando non si accetta il proprio aspetto fisico, fino quasi ad odiarlo. Un storia autobiografica che cerca di esorcizzare i problemi legati ai disturbi del comportamento alimentare che l’autrice ha dovuto affrontare.

Un sound indie pop fresco ed orecchiabile, che vuole trasmettere energia e forza, un invito a credere in noi stessi nonostante tutte le insicurezze che si possono avere. Bisogna “spegnere la testa”, da soli o con l’aiuto di qualcuno, smettere di pensare e vivere tutto come viene, un istante alla volta.

“spegnimi la testa” è un brano nato dalla necessità di raccontare l’ultimo periodo della mia vita, in cui ho capito quanto possa essere importante trovare nelle persone che ti sono acconto un appoggio, una sicurezza non solo dal punto di vista della relazione… è qualcosa di terapeutico anche per noi stessi. Sono una persona molto insicura, spesso non mi piaccio ne fisicamente ne caratterialmente e tutti questi pensieri a volte possono portarti ad aver paura di perdere la persona che si ama”.

Wasabe è Sabina Canton, cantautrice classe 2000 di Vicenza. Ha iniziato a suonare la chitarra all’età di 9 anni, poi a scrivere le prime canzoni registrate nella sua camera. Nel 2021, dopo un duro periodo legato legato ai disturbi del comportamento alimentare che l’autrice ha dovuto affrontare, pubblica il brano “VENTI“, primo singolo, uscito a fine luglio su tutte le piattaforme digitali. Lo stesso anno è finalista del contest nazionale “Tour Music Fest” e pubblica “Farfalle”, brano inserito da Spotify nelle playlist editorialiScuola indie” ed “EQUAL Italia”. La sua musica “per cuori fragili” parla del suo modo di affrontare le cose, l’amore e tutti i problemi che accomunano i giovani di oggi.

spegnimi la testa

Spegnimi la testa wasabe

Open in Spotify

Testo e Musica: Sabina Canton
Produzione e Mix: Alessandro Landini
Mastering: Marco Ravelli
Registrato presso Drop C Studio a Cadoneghe (Padova)
Label: Aurora Dischi
Edizioni: Aurora Dischi Publishing
Distribuzione: ADA MUSIC ITALY / Warner Music Italy
Artwork/Ph: Meico

Il video girato nell’hinterland emiliano, interpreta Il concept del brano che parla delle piccole cose positive e belle in una relazione, quelle più semplici ed intime che a volte si ha paura di perdere. La necessita di costruire un rapporto sincero e trovare nell’altra persona un appoggio ed una sicurezza. Un storia autobiografica che cerca di esorcizzare i problemi legati ai disturbi del comportamento alimentare che l’autrice ha dovuto affrontare, Nel videoclip è presente la ballerina Viola Fontini, compagna nella vita della cantautrice.

I momenti di playback si alternano ai passi di danza, un montaggio rapido accompagna il sound fresco ed orecchiabile del brano, che vuole trasmettere energia e forza. Un invito a credere in noi stessi nonostante tutte le insicurezze che si possono avere, e a prendere di petto i problemi e le difficoltà della vita.  “Bisogna “spegnere la testa”, da soli o con l’aiuto di qualcuno, smettere di pensare e vivere tutto come viene, un istante alla volta”.

Segui wasabe

InstagramSpotify

nv-author-image
Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.