TORNANO I LATOSADICO CON IL SINGOLO “L’HAI VOLUTO TU”

tornano i latosadico con il singolo “l’hai voluto tu”

Esce in questi giorni il nuovissimo singolo di una band che vede la luce nel gennaio del 2021 ma che nasce in realtà molto prima… Ancora prima di chiamarsi LatoSadico.

Il cantante della band Paolo Stegani, inizia infatti a suonare con il chitarrista Jacopo Baioni già all’età di 8 anni, creando i primi complessi musicali, per poi, arrivare diverso tempo dopo a far parte dei Setting Fire, band fra le protagoniste della scena musicale di Ferrara nel 2014. Tuttavia a metà del 2015 i due si separano temporaneamente: Paolo crea L’Alibi Perfetto, gruppo di cui Luca Stegani diventa il batterista, mentre Jacopo prosegue la propria carriera solista.

Con L’Alibi Perfetto, Paolo amplia il repertorio di inediti, tutti in italiano, e assieme a Luca e agli altri componenti, vengono realizzati ben tre EP e numerosi concerti, fino all’entrata in scena di  Damiano, che per doti e sinergia va a completare la formazione. I quattro decidono di azzerare e partire da capo, con un nuovo nome e soprattutto con nuove canzoni; la scelta ricadde su LATOSADICO, nome che riflette bene l’idea musicale della band e dove il disagio diventa un pretesto per scorgere la miriade di inquietudini che avvolgono l’animo umano e di cui si rivestono poi le sonorità, che meglio descrivono tali sensazioni.

tornano i latosadico con il singolo “l’hai voluto tu”

Conflitti interiori irrisolti… Pensieri scomodi… dubbi sul proprio futuro e rimorsi del proprio passato… La musica dei LatoSadico è capace di rilevare come una sonda, gli aspetti più nascosti dell’inconscio: sedimentati in una sorta di buco nero immerso nella galassia della nostra mente, i pensieri celati alla nostra coscienza vengono allo scoperto quando meno ce lo aspettiamo, ma prima ancora che questo succeda, ci sono suoni in grado di descriverli e di plasmarne il significato. Questo è l’obbiettivo, ma anche il risultato, raggiunto dai LatoSadico il cui nome stesso evoca la cupezza, pensieri e sentimenti controversi che trovano la loro migliore espressione proprio nella distorsione musicale applicata dalla band in fase di composizione e capace di rifrangere sensazioni come la paura, l’irrimediabilità, l’irriverenza…. Sensazioni che poi, ritroviamo amplificate nell’ultimo singolo “L’hai voluto tu”, dove la parte più oscura dell’essere umano viene ad essere personificata da un ipotetico diavolo.

Il brano è infatti una sorta di dialogo con quest’ultimo, inteso come la parte di noi più spregiudicata e che rappresenta bene l’ideale perseguito dalla band e dal nome scelto e in cui i LatoSadico sperimentano un suono più maturo, con incursioni grunge e tratti metal, in un crescendo, dove armonia musicale e ascendenza ritmica viaggiano parallelamente, in una profusione di arditi effetti speciali degni di una lunga esperienza sui plachi e in studio.

“L’hai voluto tu” dispiega un testo con un significato apparentemente oscuro, dove il sarcasmo dischiude aspetti inediti della mente umana e dove un sorriso sornione dipinge sul volto della partitura, suoni scoscesi, inerpicati sulle pareti di un’anima impaziente di potersi esprimere; ed ecco quindi che il brano, dopo un inatteso dialogo, diventa inaspettatamente  strumentale: l’anima, ma anche la mente, può sfogarsi in modo libero e la musica ne accetta la sfida.

Sonia Bellin

Potrebbero interessarti anche...