Vai al contenuto
  • 3 min read

Ti auguro tutto il peggio che c’è il nuovo singolo dei Cassandra

Fuori oggi 12 gennaio 2022 su tutte le piattaforme digitali e in radio Ti auguro tutto il peggio che c’è, il nuovo singolo dei Cassandra, fuori per Mescal e distribuito da Sony. Non è precisamente la frase che ci si aspetta di sentire ad inizio anno, quando la coda dei buoni propositi è ancora lunga e calda; quei buoni propositi che in Novembre non venivano rispettati e il discorso finiva con uno sconsolato “vabbè”.

Ascolta il brano Ti auguro tutto il peggio che c’è dei Cassandra

Open in Spotify

Il portone si è chiuso con fragore sul 2021 per questa giovanissima band che in una manciata di settimane ha conquistato pubblico e addetti ai lavori con numeri più che lusinghieri da Kate Moss in poi (16 Settembre2021), grazie alle loro canzoni pop “sporcate” da una sana attitudine rock, al loro talento da palco: “si vede che suonate in giro da un tempo indefinito e che sapete portarvi la gente a casa (Emma Marrone, X Factor)… “questo è vero, che suonano in giro si vede (Manuel Agnelli, X Factor)” e alla loro sfrontatezza tutta toscana.

“…forse magari ti amerò
il giorno del mio funerale…”

I Cassandra sono due fratelli di sangue e un fratello acquisito: Matteo & Francesco Ravazzi e Giovanni Sarti, voce, chitarre e batteria. Come per i precedenti singoli, anche Ti auguro tutto il peggio che c’è, è stato prodotto dal quarto Cassandra, quello che lavora nell’ombra ma non per questo meno importante: Marco Carnesecchi.

“…ti auguro tutto il peggio di me e tanti baci, e tanti baci… per me!”

BIO CASSANDRA

I Cassandra nascono nel 2019 da un’idea di Matteo Ravazzi (voce), Francesco Ravazzi(chitarra) e Giovanni Sarti (batteria), tre musicisti  fiorentini che decidono di concludere il capitolo Kelevra per inaugurare un nuovo percorso artistico. Come Kelevra hanno realizzato un album che li ha portati ad avere collaborazioni importanti (con Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti) oltre a calcare palchi di rilievo come quelli del Pistoia Blues, del Mengo Music fest, del Metarock, etc…

L’incontro con il produttore Marco Carnesecchi, spinge il progetto su un livello più intenso di scrittura e di arrangiamento, che si sviluppa in un anno di lavoro, dando alla luce nuovi pezzi vestiti di un pop genuino, ricercati nei suoni e che pur non seguendo nessun tipo di trend, si appoggiano benissimo su quest’epoca trasversale. Ed ecco che nascono i Cassandra, dal nome evocativo, ed ecco che arrivano in Mescal,  con la voglia di organizzare una festa, inaugurata Giovedì 16 Settembre 2021, come “fosse un after party di una sfilata milanese”, dove l’unica protagonista è Kate Moss, che esce dalle casse a tutto volume in questo scorcio di fine estate. Kate Moss, oltre ad essere il 1° singolo dei Cassandra, è anche la canzone presentata alle audizioni di X Factor 2021 che ha consegnato alla band il lasciapassare per i bootcamp.

Il concerto, da sempre scuola e rito catartico, li ha visti protagonisti applauditissimi, anche di recente a La Limonaia (3 Settembre 2021), in quella Firenze che è casa, ispirazione e scenario naturale per le storie che diventano canzoni e per il video di Kate Moss; sempre live – in versione acustica – anche a La Santeria 31 di Milano (8 Ottobre), per presentare gran parte delle loro nuovissime canzoni, come Novembre,  il nuovo singolo pubblicato il 12 Novembre (Mescal/Sony). Sempre il 12, ma quello di Gennaio 2022, è il giorno preposto per festeggiare il nuovo anno con il nuovo singolo: Ti Auguro Tutto il Peggio che c’è.

www.instagram.com/cassandra.ufficiale

@UfCassandra

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.