Taming the dragon

è il nuovo album frutto della collaborazione fra

Paolo Di Cioccio & Adriano Lanzi

ambient music con incursioni nel kraut e nelle produzioni post-digitali ‘90/’00

Prosegue la collaborazione fra Paolo Di Cioccio e Adriano Lanzi, con un album che pesca a piene mani dall’ambient music, senza disprezzare incursioni all’interno di altri filoni dell’elettronica: “Taming the dragon”.

Ascolta il brano

Con “Taming the dragon”, il primo di due album composti insieme in uscita per Aventino Music, i due assecondano la passione comune per i sintetizzatori analogici e digitali per dare vita a un lavoro che, pur potendo rientrare generalmente nel filone della ambient music, ingloba suggestioni diverse, più o meno storicizzate (certi arpeggiatori rimandano a corrieri cosmici teutonici come Ash Ra Temple, Popol Vuh o Tangerine Dream, ma c’è spazio anche per le progressive alterazioni e dilatazioni del fatto sonoro con procedimenti più tipici delle produzioni post-digitali degli anni Novanta e Duemila).

Sebbene siano stati costruiti con un approccio minimalista – i due autori hanno scelto di lavorare su non più di un paio di sorgenti sonore a testa per ciascun brano – i pezzi dell’album non rinunciano alla densità e a un senso di tensione interna, dove pochi suoni possono dar vita a molti eventi con la trasformazione nel tempo dei loro stessi elementi costitutivi.

“Taming the dragon”, nato da un impulso iniziale di Lanzi che aveva da parte un certo numero di quadri sonori ancora abbozzati o comunque non completamente definiti, ha preso forma da un proficuo scambio di idee e di tracce con Di Cioccio, prodotte a distanza nei rispettivi home studio, con la libertà piacevole e sorprendente di poter intervenire, da parte di ciascuno, sul materiale dell’altro, in modo a volte gentile a volte sovversivo rispetto all’idea iniziale.

Composto al termine del primo anno pandemico, mentre  si faceva esperienza delle prime timide riaperture alla socialità, per quanto frenata dalle responsabilità verso se stessi e la comunità, l’album ha finito per rivelarsi, nelle sue dinamiche interne, tra quiete e momenti più carichi di energia, tra placide consonanze e astrazioni più scomposte, una descrizione in musica del contrasto tra passione e ragione, tra lo slancio vitale in tutte le sue forme e i limiti che incontra, non solo in questo momento storico, ma in assoluto nell’esperienza umana. Da qui l’addomesticamento del drago, e gli altri titoli del lavoro, che evocano una manciata di luoghi segnati su un’ipotetica mappa di quel territorio sconfinato che è il desiderio.

BIOGRAFIE

Quella tra Paolo Di Cioccio e Adriano Lanzi è un’amicizia di vecchia data e una collaborazione musicale che seppur discontinua li ha visti insieme all’opera nelle situazioni più disparate, dal duo di “rock cameristico” Le Grand Lunaire all’omaggio al synth-pop di matrice Kraftwerk sotto la sigla Le Borg, da gruppi di improvvisazione e musica contemporanea alle sonorizzazioni dal vivo del film muto “La caduta della Casa Usher” di Jean Epstein. 

Di Cioccio è oboista, compositore e didatta (attualmente al Conservatorio O. Respighi di Latina) con alle spalle una pluridecennale carriera di concerti in Italia e all’estero, e un vasto catalogo di composizioni originali pubblicate, sia per strumentazione classica che elettronica.

Adriano Lanzi è chitarrista e performer elettronico, ha pubblicato musica per etichette italiane ed europee e ha suonato in festival nazionali ed esteri nei contesti più diversi, dalla world music al jazz-rock.

LINK UTILI

PAOLO DI CIOCCIO

Spotify

ADRIANO LANZI

SpotifySoundcloud