October 25, 2021
Read Time:3 Minute, 0 Second

Sabato 25 gennaio, presso ilCINEMA TEATRO ASTRAdi (in provincia di Bergamo), si apre la stagione dei concerti di BASSANI, interprete internazionale di canzoni popolari in lingua ebraica.

L’evento, organizzato dall’assessorato all’istruzione e alla cultura del Comune di Calcio, si svolgerà in occasione della Giornata della Memoria 2020, ricorrenzacelebrataogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto.

Un concerto di ballate popolari, tradizionali e contemporanee, alternate a narrazioni storiche e citazioni letterarie tratte da testimonianze di sopravvissuti alla guerra e alla deportazione nei campi di concentramento come Saralvo, Bassani, Levi ecc.

Stella(Iolanda Elena)Bassaniinizia fin da bambina a girare con il nonnoCesare Galli, polistrumentista e direttore d’orchestra, nonché fondatore dellaFisorchestra di Verona, respirando e diventandone piano piano parte integrante.Gira con lui l’Italia, la Svizzera, la Francia e altri paesi, ben presto imparando anche il significato del palco, del musicista e del pubblico.Crescendo inizia a scoprire il pianoforte, il solfeggio, la chitarra e soprattutto la voce. Soprano, con un’inclinazione naturale verso le note lunghe, inizialmente viene introdotta al canto lirico che, però ben presto, abbandona perché troppo competitivo e rigido.

Stellaama anche la danza, il movimento fisico, il ballo.

Infatti, attraverso le feste tradizionali della Comunità organizzate dal padre Italo (attivissimo a livello locale, nazionale e internazionale) conosce la musicaTRADIZIONALE EBRAICA, antica e religiosa, ma soprattutto laica e vivace, tipica della terra mediorientale che ha conosciuto in Europa e nel mondo diverse contaminazioni.

Dopo la scomparsa del nonno e anche del padre (il quale, dopo essere scampato al genocidio della shoah e che nel dopoguerra diventò Presidente dellaComunità Ebraica di Mantovadal 1973 al 1985, all’età di soli cinquant’anni restò gravemente paraplegico a causa di un ictus)StellaBassani– dopo essersi occupata per oltre dieci anni della cura del papà – decide di intraprendere un viaggio spirituale, e materiale, di conoscenza verso il suo popolo, facendosi da sola.

Israele, l’Olocausto, il dolore ancestrale e la rabbia per ogni tipo di genocidio e discriminazione, la portano verso la sua lingua (l’ebraico) e la canzone popolare.

Nel gennaio 2012, riceve una targa a Roma per l’impegno sociale, alCampidoglio, in occasione dell’evento ambientalista“UN BOSCO PER KJOTO”e viene invitata a numerose manifestazioni perLA GIORNATA DELLA MEMORIA.

Nel gennaio 2013 pubblica il suo primo , intitolatoI GIARDINI DI ISRAEL, ed è subito un successo.

Le maggiori associazioni e riviste ebraiche accolgono il progetto come importante e coraggioso, in un momento estremamente complicato dal punto di vista internazionale.

L’album viene presentato nelle maggiori città italiane comeMilano, Roma, Siena, Brescia, MantovaeParma.

Il repertorio diStellaBassaniè però ben più ampio: è stata invitata nelle maggiori feste tradizionali e ricorrenze. Come ad esempio a Verona –Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013e alFestival della Canzone Ebraicaa Milano nel 2014.

Il 9 novembre 2014 è uscita la ristampa di“I GIARDINI DI ISRAEL”con un titolo“TRA PACE E MEMORIA”, dedicato al 25° anniversario dellaCADUTA DEL MURO DI BERLINO.

Nel 2015 ha partecipato alFestival Ascoli Holy Music, festival internazionale della musica per la preghiera, duettando con iltrio gospel Anno Domini.

Nel 2017 e nel 2018 è stata testimonial dellaGiornata Europea della Cultura Ebraicacon concerti pressolaSinagoga di MantovaeSabbioneta, sui temi “Diaspora: identità e dialogo” e ” Storytelling”.

Nel 2019 ha realizzato il ” Vi hu da leolam teshev”, del originale israeliano, riproponendolo in versione dance con arrangiamento diDave Rodgers, presentandolo in tour in molte città d’Italia.

Lo spettacolo, intitolato“I GIORNI DELLA MEMORIA: CANZONI PER NON DIMENTICARE”, avrà inizio alle 20.45 e sarà adingresso gratuito.

Ufficio Stampa e Relazioni Pubbliche a cura diLC Comunicazionetel. 333 7695979

contatti.lccomunicazione@gmail.com

www.lccomunicazione.com

About Post Author

ARTEVIVA

Nata nel 1959 a Cologne (BS). Nel 2014 ha fondato il marchio LC COMUNICAZIONE lavorando, occupandosi di promozione di artisti del mondo della musica tra i quali: Andrea Braido, Paolo Gianolio, Guido Guglielminetti, Pietruccio Montalbetti, Massimo Germini, Pio Spiriti, Antonio Tarantino, Ricky Portera, Massimo Germini, Gerardina Trovato e Luca Bonaffini che segue fissa da circa 5 anni ed altri. Ha collaborato alla realizzazione di eventi come "La settima nota” (Convention di arte e cultura) per tre edizioni, “Tra pace e memoria” (canzoni per la pace con Stella Bassani), “La protesta e l’amore” (Primo show concept interamente dedicato alla storia della musica leggera italiana), “Il vento soffia ancora” (festa provinciale dell’ANPI), “Prima e dopo il muro” (Canzoni dal dopoguerra ai giorni nostri). Ha curato tour teatrali letterari e musicali, come “Tour Eterni secondi” di Luca Bonaffini, “Tour Amazzonia. Io mi fermo qui” di Pietruccio Montalbetti . Ha curato promozioni letterarie di “La protesta e l’amore. Conversazioni con Luca Bonaffini” , “La musica è finita”, “E’ vero che il giorno sapeva di sporco”, “Ho sognato di vivere” di Mario Bonanno, “La notte in cui spuntò la luna dal monte” di Luca Bonaffini, “Settanta a Settemila” di Pietruccio Montalbetti ed altri. Gli amici e collaboratori la definiscono un “Carro armato”.

Articoli correlati

Close