sound borderline 768x768

SOUND’S BORDERLINE: OLTRE IL CONFINE DEL SUONO

Al debutto con il loro primo singolo, abbiamo raccolto qualche informazione sui Sound’s Bordeline, band tutta italiana, che al rock alternativo e al grunge, unisce il rap e l’elettronica.

Il che hanno scelto per presentarsi al grande pubblico e ora in promozione su diverse si intitola “I’m a liar”.

Pubblicato dall’etichetta Pan Music Prod, “I’m a liar” è l’incipit di un progetto musicale dallo stile marcatamente stoner, dove i richiami ad altri generi, realizzano suoni e sperimentazioni del tutto originali. Lo stile con la quale la band ama definirsi è il dirty rock, le cui influenze derivano da gruppi come  Royal blood, Muse, Death From Above 1979, Queens of the Stone Age, che hanno molto contrassegnato molto la linea musicale perseguita dai ’s Borderline. Un nome che letteralmente significa “confine del suono”, il quale si riferisce anche ad un disturbo comportamentale che provoca emozioni contrastanti, qualcosa quindi che ha a che fare anche con l’effetto combinato dai suoni portati al limite delle loro possibilità, schemi musicali che oltrepassano ogni barriera, per ritrovarsi poi a comporre nuovi orizzonti sonori. Sonorità taglienti che ritagliano tratti di generi fra loro molto diversi e che ben si adattano anche al trema del . Come si deduce dal titolo infatti, “I’m a liar” parla di come la bugia, e quindi la finzione, domini la nostra realtà, impedendo una vera ed autentica espressione di sé, cosa che poi si riflette anche nell’ambito artistico e soprattutto musicale, dove la libera espressività è compromessa da un’omologazione costante che avvince l’identità sottostante. Quello che invece vogliono comunicare i Sound’s è una personalità musicale che non si adegua alle circostanze ma che persegue obiettivi precisi e che possa plasmare una personalità e uno stile musicale originale, in linea con le loro aspirazioni. Nonostante le tante delusioni, la rabbia sopita e poi convogliata in questo loro singolo d’, la band ha sempre cercato di trovare la propria chiave espressiva, scavalcando ostacoli e contraddizioni e dando forma ad un percorso musicale in continua evoluzione.

Leggi anche  Siderale, il primo album de “Le Atmosfere Circensi”

Sonia Bellin

CONTINUA A LEGGERE