Vai al contenuto

sonoalaska ci racconta “Pupille”, il suo singolo d’esordio

  • di
  • 3 min read

“Pupille” è il titolo del primo singolo di sonoalaska, progetto di Federica De Angelis, cantautrice romana al suo esordio discografico. Il brano è prodotto da Atmosferica Dischi, l’etichetta discografica del cantautore Jacopo Ratini, con gli arrangiamenti curati dal producer Jacopo Mariotti e la collaborazione artistica di Luca Bellanova.

Hai da poco pubblicato il tuo nuovo singolo “Pupille”. Aiutaci a definire la musica che incontriamo in questo brano…
“Pupille” è una canzone piena di energia, è forte, è ritmata nonostante parli di un argomento delicato e triste. Eppure, il sound elettronico riesce a far digerire in maniera anche giocosa quelle che sono parole dure nei confronti di una relazione apparentemente stabile.

Questo singolo anticipa un lavoro più ampio? Se sì, qualche anticipazione?
“Pupille” è solo l’inizio. Insieme alla mia squadra formata da Jacopo Ratini e Jacopo Mariotti abbiamo in cantieri altri brani, sempre molto pop e grintosi.

Sei di Roma. Che rapporto hai con le radici, con l’appartenenza a un luogo?
Ho un rapporto molto forte con la mia città. Ogni volta che mi chiedono di dove sono sempre rispondo “romana di Roma”. Tra l’altro sono di Roma Sud, mi piace il dialetto, il modo di fare di noi romani e infatti quando canto si sente molto l’appartenenza a questa città. Ammetto che a volte mi devo sforzare a parlare in modo pulito in italiano. In realtà però subisco molte influenze e non solo quella romana, anzi la più interessante è sicuramente quella francese che per ora non ho ancora tirato fuori, ma presto la sentirete.

Quando registri, pensi all’impatto che il brano avrà su un palco?
Registrare un brano per me è come fare una fotografia di quello che ho scritto. Quindi più che a pensare a come potrebbe suonare il brano su un palco penso più a come scattare bene quella foto.

Hai degli artisti di riferimento su tutti?
Mi piace molto la scrittura e le sonorità di Mahmood. Ascolto molti artisti italiani come Elisa, Francesca Michelin, Marracash ma anche francesi come Lomepal e Angele.

Ti piacerebbe partecipare a qualche reality per farti conoscere meglio?
Sì certo, sto lavorando duramente per poter affrontare al meglio i casting di Amici e X Factor.

Sempre più frequentemente si discute del rapporto fra musica e social: per molti artisti emergenti, Facebook, Instagram, Twich, Tik Tok rappresentano una grossa opportunità per raggiungere un maggior numero di persone. Quale rapporto hai con questa realtà?
Ormai è quasi impossibile pensare di essere un artista senza esistere sui social. All’inizio anche io dubitavo molto dei social, ad oggi ho più di 170 mila utenti che mi seguono attivamente su TikTok grazie a un format musicale che ho creato nell’estate 2021. Metto a disposizione la mia penna per riscrivere pezzi famosi in chiave diversa, e devo dire che sta funzionando.

Progetti per la primavera/estate? Qualche live in vista?
Per ora come ho detto prima sto provvedendo per i casting. Ai Live ci sto pensando, intanto mi piacerebbe cantare per strada a Via Del Corso. Ai Maneskin ha portato molta

Open in Spotify