Vai al contenuto
  • 2 min read

“Sinapsi attive” feat Miss Virtuality è il nuovo singolo di Hologram Boy

E’ ora disponibile su tutte le piattaforme di streaming “SINAPSI ATTIVE”, nuovo singolo di HOLOGRAM BOY. Il pezzo vede il featuring di MISS VIRTUALITY.

Servendosi del suo ologramma cybernetico, capace di trasmettere ironia, forza vitale e un senso di disagio tipico delle periferie del Metaverso, HOLOGRAM BOY pubblica il suo primo singolo dal titolo “SINAPSI ATTIVE“, scritto da Claudio Ottaviano (SIAE) e interpretato dalla voce di Miss Virtuality, compagna dell’artista. Questo brano è il manifesto dada-impressionistico delle periferie digitali che si muovono ai bordi del fulmine, con tutta la dirompente carica elettrica dei migliori cortocircuiti estetici.

Ascolta ora “Sinapsi attive”.
Guarda il videoclip ufficiale su YouTube.

Biografia

Questa è la storia di un musicista che si esibiva ai matrimoni, ma anche in televisione e sui grandi palchi a fianco di nomi illustri come Stefano Bollani e Renzo Arbore. Poi il mondo è cambiato e durante il lockdown questo musicista, trovandosi disoccupato, ha iniziato ad esplorare i meandri della realtà virtuale e se ne è innamorato, assumendo l’identità protesica (e la parrucca) di HOLOGRAM BOY.
Il suo primo singolo, “SINAPSI ATTIVE” (feat. Miss Virtuality), è disponibile in digitale dal 10 novembre 2021.

Sito Ufficiale | Canale YouTube

RED&BLUE MUSIC RELATIONS
www.redblue.it – info@redblue.it

Fb: RedBlueMusic 

Ig: redblue_musicrelations 

Tw: RedBlue_Music

nv-author-image

Cecilia

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.