Vai al contenuto
  • 2 min read

Shinigami – il nuovo singolo di Scream

Fuori ora su tutte le piattaforme streaming e in digital download “SHINIGAMI”, il nuovo singolo di SCREAM!

Il brano è una chiara metafora tra la vita reale e l’anime giapponese “Death Note”; si riferisce in particolare allo Shinigami, la divinità della morte.

“Se fossi uno Shinigami, farei in modo di ristabilire gli equilibri e limitare le differenze sociali”.
Attraverso punch line, riferimenti ben precisi alla serie e una base molto aggressiva ed incisiva, Scream ha voluto fare un parallelo con la vita reale e trasmettere le proprie emozioni con energia.

Scream ci ha abituati a racconti delle sue esperienze personali con la musica: le sue raffigurazioni metaforiche, gli aspetti positivi e quelli negativi ma soprattutto come questa abbia influenzato la sua vita in questi ultimi anni.

“Le mie canzoni sono un mix di emozioni e riferimenti al mio status di vita”

“Shinigami” è scritto e prodotto da Scream.

Ascolta qui il brano

Ascolta il brano

Open in Spotify

Alessio Lodovichi, in arte Scream, classe 2002.
Ha iniziato a soli otto anni a suonare la batteria, si è esibito in diversi concorsi amatoriali e attualmente fa parte di un gruppo.
Scrive pezzi rap/trap dall’età di 15 anni e ultimamente si è dedicato anche alla produzione musicale per altri artisti.
Nonostante la giovane età, ha all’attivo un vasto repertorio inedito. Su Spotify sono disponibili anche “La mia droga”, “Hangover”, “Beatitudinem” feat. Roby, Fight Boy (feat. Nanu), “Contento” e “Carillon” (prodotto da Gifra).
È co-fondatore di una crew di artisti che collaborano a diverso titolo alla realizzazione di brani musicali, beat e produzioni video.

Segui Scream
instagramfacebookyoutube

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.