Vai al contenuto
  • 2 min read

“Satellite” è il nuovo singolo dei The Doubtful Bottle, esplosiva indie rock band inglese

Si intitola “Satellite” il nuovo singolo dei The Doubtful Bottle, indie-rock band inglese del North Yorkshire

Registrato al The Metway Recording Studio di Brighton (Nick Cave, Royal Blood) con l’ausilio del produttore Jake Rousham , già a lavoro con artisti come The Who, “Satellite” è  uscito il 20 Agosto per l’etichetta Neil Grant Music Publishing.

In un mondo sempre più difficile, “Satellite” è un inno all’ottimismo, alla positività, alle emozioni e ai sentimenti genuini. Una canzone d’amore che ruota intorno al tema dell’universo (“We’re riding through the sky at a million miles an hour’ says it all“) e che vuole trasmettere allegria.

Capitanata dal songwriter John Gillies e dalla cantante Genevieve Gillies con l’aggiunta del chitarrista Lee Potter, il bassista Nathan Reeves e il batterista Jim Beadle, la band continua a far parlare di sé dopo gli ottimi riscontri di critica e pubblico ottenuti nel Regno Unito e in altri Paesi europei tra cui l’Italia, dove hanno compiuto un tour nel 2019.

Il loro background folk li ha portati a lavorare con la leggenda Judy Dyble (Fairport Convention), mentre il gioco di voci di John e Genevieve e il mix di indie-rock e grunge hanno dato vita ad un noise sensuale ed energico, supportato da melodie orecchiabili e ritmi frenetici.

Definiti dalla BBC inglese “frantic interdimensional cool rock band” e paragonati ad artisti del calibro di Blondie, The Young Knives ed XTC, i The Doubtful Bottle hanno debuttato nel 2017 con il fortunato singolo “Can’t Climb Any Higher” (2017), seguito poi da “Wait For Love“, “Trickery” ed “Eye“.

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.