October 28, 2021
Read Time:1 Minute, 15 Second

Ruggero Ricci racconta così il suo Le persone non parlano“:

Questa canzone era nata durante il periodo di lockdown ed è uno spaccato della mia generazione, la consapevolezza che purtroppo a volte la comunicazione attraverso i social network perde di umanità.

Sentivo l’esigenza di esprimere questa mancanza nei giovani che spesso vedo insicuri, ansiosi ma al tempo stesso desiderosi di emergere… il tutto si traduce in rabbia, frustrazione e malessere.

Il  di questo brano esprime esattamente tutto questo senza filtri.

Per la prima volta sono stato affiancato ad un rapper di nome Speed, che ha scritto delle barre. Per quanto mi riguarda è importante stringere collaborazioni per spingere i giovani davvero talentuosi e meritevoli. Vedo in lui un esempio di umiltà e capacità intuitiva, il che si è tradotto in un valore aggiunto non previsto nella canzone.

Ruggero Ricci nasce a Lugo (RA) il 13/02/1989.

Fin da bambino dimostra una forte predisposizione per la  soul-R&N con successivo inquadramento nel genere pop-melodico.

I suoi riferimenti principali sono: Amy Winehouse, Janis Choplin, Billie Holiday e James Brown.

La passione per la musica lo spinge ad intraprendere la via della composizione di testi come autore parallelamente a quella della didattica del canto in un percorso di maturazione incentrato in gran parte sull’esperienza live.

Ruggero avvia la propria formazione canora grazie alla vocal coach Cheryl Porter e prosegue i propri studi in ambito vocale autonomamente, dedicandosi nello specifico allo studio della voce e alla riabilitazione vocale.

About Post Author

desa-comunicazioni

Close