Vai al contenuto
  • 2 min read

Rrose Sélavy di Vinnie Marakas fuori anche il video

Dopo l’anteprima su Rockon, disponibile ovunque il video per Rrose Sélavy di Vinnie Marakas, fuori per Dischi Sotterranei. Si tratta del secondo singolo scritto e prodotto con la collaborazione di Richard Floyd, dopo la pubblicazione del precedente Disagio MediterranéeQui, Vinnie Marakas mette in silenzio la vanità dell’identità per mettersi sul cammino della Conoscenza, per sapere, e vedere quella Verità che “al buio sta”. Tra allusione ed elusione, Vinnie Marakas cita personalità storiche e personaggi letterari per confondere la sua identità forse con quella dell’umanità intera, galleggiando sulle distintive sonorità “Italian Touch” confezionate da Richard Floyd.

Rrose Sélavy era l’alter ego femminile di Marcel Duchamp, animatore del dadaismo e artista dissacrante, che con i suoi pseudonimi, faceva di se stesso un ready made, annullando il concetto di identità, per renderlo la base per una contaminazione di ruoli, riferimenti e rappresentazioni.

VIDEO Regia: Tommaso Ferrara
DOP: Germano Evangelisti
Foto di Scena: Lorenzo Ubertalli
Graphic Design: Eleonora Zicchi
Elettricista: Luca Annaratone

Provocazione? Evocazione?  L’ultimo prestigio di Vinnie Marakas.

scritto e prodotto da Vinnie Marakas & Richard Floyd
Mastering: Giovanni Versari – La Maestà Studio
© Dischi Sotterranei (2021)

Vinnie Marakas è profeta, imbroglione, sciamano, mentitore, poeta e impostore.

Alchimista e mago metropolitano, il nome della sua Opera è scritto sul manto delle tigri. Secondo alcuni esegeti non sarebbe un uomo ma un essere demoniaco che da sempre attraversa i secoli presentandosi con diversi nomi: Ermete, Merlino, Cagliostro, Faust, Gurdjeff, ed Elvis Presley. Secondo altri, sarebbe uno degli angeli dell’apocalisse, disertore ribellatosi alla volontà superiore. Per altri ancora, invece, è solo un truffatore.

Performer eclettico, baro giocatore di dadi e operatore del sottosuolo, dopo essere letteralmente evaporato (così raccontano alcuni testimoni), durante una cena tra illusionisti, viene recuperato dal produttore animista quadrimodulare Richard Floyd all’interno del reparto cucine di un noto centro commerciale, farneticando di aver scoperto una formula che lega le vibrazioni cromatiche del fucsia e quelle sonore dellʼaccordo musicale di settima diminuita a certe ondulazioni termiche, e giurando a se stesso di non scrivere mai più una sola parola.

Da questa esperienza epifanica, Vinnie cambia il suo approccio di trasformazione alchemica, lasciandosi parlare e condurre dal daimon che lo abita. Un linguaggio criptato, fatto di visioni, riferimenti, allegorie e calembour, che fa gioco di ironia con le poliedriche influenze elettroniche e con le atmosfere nostalgicamente sognanti intessute grazie alla sensibilità sopraffine di Floyd.

https://m.facebook.com/vmarakas
https://instagram.com/vinniemarakas

ARTWORK
Foto di Lorenzo Ubertalli

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Continua
50%