Vai al contenuto
  • 2 min read

Roberto Pagliaccia: i singoli “In The Dark” e “Duerme Tranquillo”

E’ un’estate piena di musica quella che sta vivendo Roberto Pagliaccia, dj fiorentino in decisa ascesa. Non stupisce sia così: la sua musica elettronica tutta da ballare è decisamente personale e suggestiva. Tra le sue produzioni più recenti, si fa notare “In The Dark” – https://spoti.fi/3NvLvzQ – Uscita su Wanderlust, è stata prodotta con Dubskull con le voci dei Daudia. Il brano ha sound suadente e potente. In una parola è una traccia davvero misterioso. Ascoltarla senza farsi avvolgere dall’oscurità del ritmo non è facile.

Il ritmo di “Duerme Tranquillo” – https://spoti.fi/3nsa7Pa -, uscita da poco su Gas Records, è ancora più ipnotico, perfetto per far muovere a tempo ogni dancefloor internazionale. Una voce ripete in spagnolo una sorta di filastrocca, al ritmo decisamente house di cassa, rullante e piatti. Nonostante ciò che dice il testo, dormire ascoltandola sarebbe una missione impossibile.

Tanti poi i dj set di Roberto Pagliaccia in questa calda estate 2022: il 24 giugno si è fatto sentire all’Inferno di Quarrata (PT) e prima al Cosmic Open Air di Campi Bisenzio (FI). L’1 luglio invece il dj fiorentino torna a far scatenare un club della sua città, il Kaufmann di Firenze. Già definita per il 31 luglio anche una performance al Vesper di Porto Cervo (SS).

Poco più che ventenne, Roberto Pagliaccia, è un artista in forte crescita nello scenario elettronico internazionale. Il suo sound potente e suggestivo già si distingue e si fa notare. La sua musica, sempre curatissima dal punto di vista della produzione e degli arrangiamenti, mette in scena coinvolgenti contaminazioni tra passato e presente. E si sente forte anche la sua visione distopica del futuro.  

nv-author-image

ltc

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.