Vai al contenuto
  • 3 min read

Risvegli il disco d’esordio di Zanira: allora la mania cos’è?

“Risvegli” è il disco d’esordio dell’artista Zanira con distribuzione The Orchard.

Tutto è iniziato quando ha scelto per un periodo di non lavorare, di dedicare del tempo ad ascoltarsi e stare, anche nella frustrazione del non saper cosa fare, nella possibilità di sperimentare e di sbagliare. Ed è proprio riuscendo a fermarsi nella scomodità di quel vuoto, che sono nati i momenti di ispirazione che per giorni l’hanno tenuta incollata a una melodia o a un testo. Erano momenti liberatori e vitali in cui si è ritrovata, in cui ascoltava quello che aveva bisogno di dire dandogli, poi, forma.

“Ogni canzone di questo album è nata in questi momenti di “risveglio”, di rinascita di una parte di me prima un po’ sopita, un po’ imbrigliata, ma che dentro gridava e chiedeva di farsi ascoltare.”

Il disco spazia da sonorità elettroniche, Lo-Fi e neo soul, per arrivare ad uno stile che intreccia armonizzazioni vocali a testi intimi e strutture tipiche della canzone pop.

Chi è Zanira?

Zanira, nome d’arte di Irene Zanovello, cantante e autrice di origini varesine classe 1990. Studia il flauto traverso dall’età di 8 anni. A 18 anni, per diversi anni inizia a sperimentare la sua versatilità, nello studio del canto. Dal 2018 al 2020 segue i seminari d’improvvisazione vocale tenuti da Oskar Boldre, conquistando un posto nel suo coro Ancore d’Aria a Milano. Dal colpo di fulmine con le Circle Songs e dalle loopstation, nascono le sue prime canzoni. I primi due brani, scritti in inglese, sono stati prodotti dal musicista e produttore varesino Mattia Tavani, i successivi 5, in italiano, sono stati prodotti da RGB prisma. Il 15 Marzo 2022 è stato pubblicato il primo singolo “Qualcosa di più lento (produzione RGB prisma). Il 12 Aprile è prevista l’uscita di un secondo singolo “Reason” (produzione Mattia Tavani) che anticiperà l’uscita del disco di esordio “Risvegli” a Maggio. Il brano è distribuito da The Orchard, società di proprietà di Sony Music. Il 17 Giugno è uscito ufficialmente il disco d’esordio: “Risvegli”.

 

La recensione del disco

Zanira esordisce con Risvegli, probabilmente un disco profondamente intimo, pieno di segreti e di notti di passioni, di storie finite, di amori impassibili e di manie per la testa, un cuore spento e la voglia di dimenticare, ma anche di rinascere.

E forse, anche di risvegliarsi da un brutto sogno e riprendersi la vita in mano. Un disco che suona bene, 7 tracce ben strutturate, con una scrittura molto elegante ed una voce pazzesca. Meravigliosi i brani in inglese che ci fanno capire tutta la flessibilità dell’artista di muoversi da una lingua ad un’altra. Ci piace molto l’idea di questi loop da cui nascono i brani, Zanira non ha nulla da invidiare a quelle artiste estere, potrebbe avere davvero una carriera radiosa. Sicuramente il pezzo più forte del disco è Mania, ti entra in testa e non ti molla più. Il mio posto è una figata alla billie eilish, la voce è davvero capace di trasportarti in altri mondi sottili, un brano che in radio ci farebbe volare, un mix tra hip-hop ed elettronica, spacca. Il disco si chiude con Qualcosa di più lento, che è anche il brano con cui l’artista ha rilanciato il disco. Un pezzo chill. Ogni traccia di questo disco mette molto in risalto la voce dell’artista, le produzioni accompagnano molto bene le parole e la voce stessa. Davvero un ottimo lavoro.

Sicuramente non ci sono tante artiste così complete su spotify, sopratutto così giovani. Vi consigliamo vivamente di ascoltare tutto il disco.

Open in Spotify

 

Voto 8/10.

nv-author-image

Press Diffusioni

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.