Vai al contenuto
  • 5 min read

“Riad” è l’attesissimo ritorno di Davidof

Dopo l’incredibile successo ottenuto con le sue precedenti release – tra cui l’emozionante ballad indie-pop “Ragazza ‘86” e la delicata e intensa dedica al capoluogo lombardo “Milano” -, il brillante cantautore dall’animo sensibile e dalla penna raffinata Davidof, torna nei digital store con “Riad” (distr. ADA Music Italy), il suo nuovo singolo.

Il brano, in una meravigliosa analogia tra le incantate soluzioni abitative tipicamente medine, da sempre emblema di pace e serenità, e la persona amata, simbolo della casa del proprio cuore in qualsiasi parte del mondo, è un viaggio nei colori, nei profumi e nelle sfumature dell’amore, impreziosito da una cornice sonora attualissima – curata da Alberto Cari -, ritmata e vivace, ma al tempo stesso intensa e riflessiva, intrisa da un magnetico fascino arabeggiante, pur rimanendo fedele all’It-pop.

Open in Spotify

Con la sua vocalità elegante e riconoscibile, capace di spaziare da atmosfere intime e sognanti a setting più frenetici e incalzanti, Davidof tesse una tela di note e sentimenti, miscelando il suggestivo charme di un luogo in grado di regalare simultaneamente seduzione e comfort, a quel pizzico di malinconia, avvolta dall’incanto, dallo stupore e dalla meraviglia, scaturita dai ricordi. Ricordi di «un tempo che mette le ali sopra la vita degli esseri umani», capaci di incastonarsi nelle pieghe della nostra anima e di resistere, oltre lo scorrere delle lancette, oltre il cambiamento, il sentimento, la vita stessa.

"riad" è l'attesissimo ritorno di davidof

Attraverso una singolare e pittoresca serie di parallelismi – «come le storie che cambiano, come le stelle si spengono» -, il brano punta il focus sulle convenzioni «pensa se fossimo nudi, saremo insicuri di quello che abbiamo»; «senza i vestiti che hai addosso, ti sentiresti lo stesso?» – e sulle difese personali, che spesso tramutiamo in maschere e barriere, senza le quali ci sentiremmo privati di tutte quelle certezze che sono per lo più frutto di un’insicurezza di base, da sempre connaturata nell’essere umano, distanti da ciò che ci caratterizza nel profondo, lontani dall’essenzialità di ciascuno di noi.

Uno spaccato autentico e sincero, in cui si evince anche il forte attaccamento al proprio passato: un legame intimo e ancestrale, che ci conduce spesso ad una totale identificazione con il nostro trascorso – «con i tatuaggi sbiaditi, davanti allo specchio sparisce l’inchiostro» -, destabilizzandoci ed impedendoci di costruire e realizzare un futuro privo degli strascichi e delle ombre di un’età ormai vissuta, ma che, contestualmente, ci permette di avvertire il nostro battito, di percepirci nel mondo, continuando a rincorrere quel luogo, concreto o astratto, reale o apparente, in cui sentirsi finalmente a casa – «un bel posto, quello che ti eri promesso» -.

«L’amore – spiega l’artista – può darci tutto, come toglierci tutto. I ricordi sono l’unica cosa che ci resta. I profumi a volte sembrano veri, concreti, tangibili e le persone hanno l’anima colorata. C’è chi riesce a dire “Ti amo” con le gambe che tremano e c’è chi si nasconde dietro una pelle tatuata. Io credo che esista un territorio in cui ognuno preferirebbe restare per sempre. Ecco, “Riad” è questo, un viaggio, una casa, quel posto sicuro…che mi riporta da te».

Un magistrale esempio di fusione tra un testo d’autore malinconico e riflessivo ed una dimensione sonora che, proprio come la rinascita, scaturita da una profonda conoscenza e comprensione di se stessi, si apre cauta e moderata per acquisire vigore ed energia nel corso del tempo, consentendo all’ascoltatore di tuffarsi nei propri ricordi, per riemergere con una nuova consapevolezza di sé.

Dotato di una finezza compositiva unica e di un’impronta stilistica originale e fortemente riconoscibile, Davidof è l’emblema del cantautore moderno, un vero e proprio sognatore pragmatico, in grado di attingere ad una fervida capacità immaginativa per raccontare tutti i colori della società contemporanea.

Biografia

"riad" è l'attesissimo ritorno di davidofDavidof, pseudonimo di Pietro Sturniolo nasce a Palmi (RC) nel 1987. All’età di 3 anni, si trasferisce a Roma e si appassiona alla musica, iniziando a cantare sul balcone di casa le canzoni del Festival di Sanremo. Cresce ascoltando Antonello Venditti, Lucio Dalla e tutte le più illustri firme del panorama cantautorale italiano, avvicinandosi poi, in adolescenza, alle sonorità pop anni 2000. Inizia a scrivere testi inediti, dando il via anche alle prime performance live in molte venue della Capitale.

Poliedrico e trasversale, ama l’Arte, lo Sport ed il Cinema, ma è nella Musica che esprime al meglio il suo potenziale, sperimentando stili e dimensioni sonore e componendo, passo dopo passo, una sua personale impronta stilistica, unica e riconoscibile.

Nel 2019 firma un contratto discografico con Hokuto Empire, etichetta discografica capitanata da Francesco Facchinetti, con la quale rilascia 5 singoli che ricevono un ottimo riscontro da pubblico e critica. Dopo il drammatico periodo di pandemia di COVID-19 che ha messo in ginocchio il mondo intero, il 1° Marzo 2022, pubblica, per ADA Music Italy, “Riad”, un affascinante viaggio tra etnie e culture che celebra i ricordi per costruire un futuro autentico e consapevole.

Dotato di sensibilità, carisma e di una finezza compositiva di raro riscontro, Davidof è l’emblema del cantautore moderno, un vero e proprio sognatore pragmatico, in grado di attingere ad una fervida capacità immaginativa per raccontare tutti i colori della società contemporanea.

nv-author-image

Elisa Serrani

"Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere, la musica lo esprime". V. Hugo.

Continua
50%