Vai al contenuto
  • 2 min read

Relight Orchestra: “Relight The Disco” celebra vent’anni di musica e successi

Le sonorità nu disco sono in questa estate 2022 il comune denominatore di tantissime produzioni pop internazionali. In Italia il fenomeno non è da meno: molte delle sonorità che sentiamo in radio pescano proprio dalla produzione Italo Disco di inizio anni 80. La matrice musicale afro-funky che influenzò la disco music Americana a fine anni 70 è sempre rimasta sempre viva in Italia, anche nel nuovo millennio. 

Fra i progetti dance italiani che hanno da sempre abbracciato queste sonorità, Relight Orchestra è indubbiamente uno fra i più acclamati a livello internazionale, con decine di milioni di streaming ed esibizioni in 4 continenti. 

Robert Eno e Mark Lanzetta, ovvero i Relight Orchestra, si definiscono così, con semplicità: “siamo un dj di cultura e un violinista maestro nell’interpretare”.  Ogni loro cover ed ogni loro remix nasce da tanto lavoro in studio. Per questo, da tempo sanno dare nuova vita a classici del dancefloor che rischiavano di essere dimenticati.

“Relight The Disco”, il nuovo album della band, celebra i 20 anni dal primo successo “For Your Love”, uscito su Universal Music. All’interno nuovi progetti e collaborazioni con grandi star del calibro di Gloria Gaynor, Santa Esmeralda, Claudja Barry, Ronnie Jones, Margareth Menezes, Donatella Rettore… 

Il titolo della raccolta, “Relight The Disco”, fa chiaramente intendere che questa raccolta dei Relight Orchestra è un tributo al passato, con l’obiettivo di “riaccendere” (Relight in inglese) non solo la “disco music”, ma anche le “discoteche” dopo il lungo stop a livello internazionale.

https://www.relightorchestra.it

nv-author-image

ltc

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.