Bonifax “Mi nonni” (pop)

«Divertimento, felicità, rassegnazione, serenità, amarezza e cruda realtà. Poche parole che riuscivano, e riescono ancora, a descrivere perfettamente situazioni e stati d’animo. Nonno, nonna, Lillo, mi madre, la romanità e le pillole di saggezza millenaria»

Attraverso un viaggio nei proverbi e la loro saggezza popolare, Bonifax ci porta in un tempo dal color seppia che oggi non c’è più…o forse no, perchè in fondo la peculiarità della saggezza popolare è quella di non avere tempo.

Il singolo anticipa l’uscita del primo EP solista dell’artista romano.

CREDITI
Pubblicato da Redgoldgreen Label
Testo: Bonifax
Producer: VirtuS
Registrazioni: Redgoldgreen Studio
Master: “Fuzzy” @ Quadraro Basement

MI NONNI B O N I F A X [lyrics]

Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Dopo la tempesta vedrai torna er sereno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Alza gli occhi ar cielo è uscito l’arcobaleno

Mi nonno c’aveva ragione
restavo li seduto ad ascoltarlo per ore
`poco o niente ma era un signore
a una giornata grigia lui ridava colore
Diceva meglio faccia tosta che panza moscia
c’avrai bone le gambe si nun c’hai bona la testa
Omo de panza omo de sostanza
meglio puzzà de vino che puzzà de acqua santa
Dentro a botte piccola ce stà er vino bono
ma drento a quella grossa ce ne sta de piú
In tera de ciechi beato a chi c’ha un occhio
a chi tocca nun s’engrugna ce lo sai pure tu

Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Dopo la tempesta vedrai torna er sereno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Alza gli occhi ar cielo è uscito l’arcobaleno
Mi nonna dall’altra parte diceva
fritta è bona puro la sola delle scarpe ancora
Gallina che nun becca ha giá beccato
con na scarpa e na ciavatta guarda come stai conciato
Nun te mori che te cocio n’ovo
ma che nun ce lo vedi che sei secco come un chiodo
Se lavora pe campà nun se campa pe lavorà
poco a niente glié parente ce sta poco da fa
Quello che nun te strozza te fará ‘ngrassa
nun te scordá de vive perché poi chissá
L’amore nun è bello si nun è litigarello
col cielo a pecorelle tu nun te scordá l’ombrello
Con la farina sua ce fa li gnocchi che glie pare
e chi c’ha er pane nun c’ha i denti e chi c’ha i denti nun c’ha er pane

Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Dopo la tempesta vedrai torna er sereno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Alza gli occhi ar cielo è uscito l’arcobaleno

I parenti der papá so presto cardinali
e poi morto un papá sai ne famo un artro
E ce ne stanno un paro a cui io ce pensavo tanto
e nun ve lo nascondo a vorte c’ho pure pianto

Panza piena nun pensa a quella vota e sacco voto nun se regge dritto
Panza piena nun pensa a quella vota e sacco voto nun se regge dritto
Panza piena nun pensa a quella vota e sacco voto nun se regge dritto
Panza piena nun pensa a quella vota a quella vota a quella vota

Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Dopo la tempesta vedrai torna er sereno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Sempre bene nun po annà / sempre male nemmeno
Alza gli occhi ar cielo è uscito l’arcobaleno