Vai al contenuto
  • 2 min read

R&B Italiano, le nuove frontiere con Totino Melillo e il suo Vierno

Vierno è il singolo che lancia ufficialmente la “33db – good noise”, etichetta discografica indipendente nata a Salerno da UanmNess, Luigi Cartolano e Paolo Rosario D’Alvano.

Primo membro del roster ad essere presentato è Totino Melillo, che si prepara a pubblicare con l’etichetta il suo terzo disco ufficiale dopo un periodo di riflessione e una nuova fase artistica più vicina alla musica urban.

Vierno, forma dialettale di Inverno, è un brano contemporaneo con sfumature prevalentemente Trap ed R&B. Il videoclip, seguendo un concept di toni scuri e freddi ricco di simbolismi, accompagna la tematica del pezzo che ha come messaggio principale quello di spronare nel trovare la forza di affrontare con coraggio tutte le fasi di rottura o di dolore della nostra vita – intese non solo in ambito sentimentale.

L’artista racconta: “ L’inverno diventa una stagione psichica e Vierno rappresenta in questo modo un inverno interiore in cui guardare dentro se stessi in silenzio per raccogliere le consapevolezze maturate. L’inverno simboleggia il viaggio per rimettersi in connessione profonda con se stessi, per migliorare la propria vita e ridefinire la propria rotta armati di buoni propositi.”

Vierno, disponibile in tutti gli store digitali, è un brano accattivante, motivante e un ottimo biglietto da visita per un Etichetta che si vuole fare promotrice di ricercatezza e libertà espressiva.

https://www.33db.it/

nv-author-image

Ivana Travini

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.