Vai al contenuto
  • 4 min read

“Playrames Deluxe” è il nuovo album di Rames

A distanza di dieci anni dalla prima pubblicazione, “Playrames”, l’iconico progetto full length dell’incisivo rapper piemontese Rames, approda sui digital store in una nuova veste, impreziosita da illustri collaborazioni, una traccia inedita ed un’evoluzione sonora che tempra e permea di contemporaneità la profondità di testi senza tempo.

Playrames Deluxe”, questo il titolo scelto per la rivisitazione del disco, è il frutto di un intenso lavoro che ha coadiuvato a barre graffianti, punchlines irriverenti e metriche vibranti, una dimensione sonora fresca e frizzante; la miscela perfetta tra l’indimenticabile e indimenticato Old School italiano dei primi ’90, l’impetuoso dinamismo dell’Hip Hop da dancefloor e la levatura autorale di una penna attenta, minuziosa e versatile, capace di scalfire la propria impronta su un arcobaleno di pattern e beat differenti.

Passato, presente e futuro si uniscono in un una serie di ritratti musicali che porta in essere la galleria sonora della vita, in cui trovano spazio ironia, introspezione, critica sociale, speranza, sentimenti, emozioni e riflessioni.

"playrames deluxe" è il nuovo album di rames

Senza rinnegare o sementire le proprie origini artistiche, Rames magnetizza il pubblico con la sua incredibile capacità di coinvolgimento, il suo carisma spumeggiante ed un’abilità straordinaria nel convertire all’oggi immaginari simbolo degli anni ’80-’90, a partire dall’intro – prodotta dallo stesso Rames in sinergia con l’estro creativo del celebre producer bergamasco Syler Beat (già per Vacca, Vegas Jones, Jamil e molti altri) -, affidata al pungente comico e imitatore romano Victor Quadrelli che, ispirato dai suoi predecessori e dai loro storici tormentoni – dal “Com’è umano lei” di Paolo Villaggio alle numerose esclamazioni classiche italiane di Christian De Sica e Massimo Boldi -, racchiude sin dall’overture l’accezione anticonvenzionale dell’intero album.

Le altre 7 tracce dell’opera, sono state prodotte, mixate e masterizzate da Matteo “UncleMatt” D’Alessandro presso lo Studio 2 del The Cave Studio di Catania, un vero e proprio eldorado della musica alternativa italiana.

Richiami motown sapientemente resi da strumenti di produzione tecnologicamente avanzati, sono la colonna portante di un lavoro unico e originale, che mette in luce la duttilità di un artista completo, in grado di giungere con immediatezza e originalità ad un target di ascoltatori variegato e distinto, unito dal file rouge dell’amore per la doppia H made in Italy.

"playrames deluxe" è il nuovo album di rames

A seguire, la tracklist di “Playrames Deluxe”:

  1. Intro – Playrames
  2. Mi piace che mi guardi
  3. Mix Rames
  4. Non lo so cos’è che c’è
  5. La vita astratta
  6. Mix radio
  7. Bonus Track
  8. Outro

"playrames deluxe" è il nuovo album di rames

 

Biografia.
Rames è un rapper italiano nato a Chieri (TO) nel 1986. Si avvicina alla musica iniziando a scrivere e produrre interamente i suoi brani, che ottengono, sin da subito, ottimi riscontri da parte di pubblico e critica. Ma Rames non è soltanto un rapper, bensì una webcam puntata sulla realtà: il suo focus riprende le situazioni, i punti più salienti del contesto in cui vive. La sua musica è un faro per tutti coloro che si sentono spenti, avvolti da uno stato di afflizione e di incertezze, motivandoli e spingendoli a ricercare la giusta energia per rinascere. Sonorità ballabili e ritmate, vestono testi riflessivi e rilassanti, portando in essere il connubio perfetto tra astrazione e melodia, ricercatezza e presenza scenica.

nv-author-image

Elisa Serrani

"Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere, la musica lo esprime". V. Hugo.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.