Vai al contenuto
  • 2 min read

Pisu: “Gli occhi dei bambini i migliori per osservare il mondo”

Antonio Pisu ci racconta Oltre il confine, il suo singolo di debutto da cantautore, una nuova esperienza per il regista e attore teatrale

Ciao! Debutti come cantautore con un brano potente e ricco di spunti di riflessione. Come mai hai scelto un bambino come protagonista del brano?

Credo siano gli occhi migliori per osservare i fatti del mondo.

Quando hai scritto Oltre il confine ti sei ispirato a qualche film o immagine visiva?

Purtroppo ad un’immagine vera che non dovrebbe esistere.

Differenze e similitudini tra il fare il regista e lo scrivere canzoni?

Il regista racconta le emozioni attraverso le immagini, la musica attraverso i suoni e le parole. Sono indubbiamente diversi ma se ci fate caso i film di più grande successo sono quelli con una colonna sonora indimenticabile. La musica è troppo potente e più facilmente fruibile.

Di solito assistiamo al processo opposto, cioè cantanti che si cimentano nel cinema. Cosa ti ha spinto a prendere la chitarra e inaugurare un percorso parallelo ulteriore della tua carriera?

Io da sempre suono e canto ma solo in camera mia. Ogni tanto mi capita di farlo negli spettacoli e da qui è nato tutto. Un giorno Claudio Stefani di Vertical music ha visto un mio spettacolo dove cantavo e suonavo e mi ha proposto una collaborazione.

Progetti futuri?

Troppi. Ho un film in partenza, spettacoli a teatro e adesso questo meraviglioso progetto musicale. Il 9 luglio farò una sorta di spettacolo-canzone a Bologna. Se siete in zona passate.

nv-author-image

Roberto

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.