Pepp1 torna con il nuovo singolo Concimami

“Concimami” è il nuovo singolo di Pepp1, in uscita venerdì 24 giugno per Hukapan Records, label di Elio e le Storie Tese

Dopo il primo singolo “Latte Fai Da Te”, il “creepy rock” di Pepp1 torna a farsi sentire con “Concimami“.
“Concimami” trasporta in una dimensione di leggerezza in cui la donna, protagonista del brano, sogna “un mondo tutto rosa al profumo di lavanda”. Il racconto è quello di una disputa d’amore che non vede ragione di continuare perchè il cantautore non riesce a resistere alla donna e a fare a meno di lei.

Open in Spotify

“Un’extrema ratio sentimentale, un dolce canto di puro amore e di sincera devozi1 (pron. devoziuàn) intonato da un amante per una donna distante e fredda come un Calippo Lime di fine anni ’90 (per intenderci, quello con l’arcobaleno nel logo).
“Concimami” si pone come la trasposizi1 (pron. trasposiziuàn) in musica di un lungo ed intonatissimo nitrito prodotto da un uomo/equino innamorato, disposto a farsi piccolo piccolo per nascondersi nella buca delle lettere della sua cavallina o a ricoprirsi di fertilizzante per riacquisire appetibilità agli occhi dell’amata”.

Pepp1

Il 28 giugno il singolo sarà presentato live al Garage Moulinski di Milano. 

https://www.instagram.com/pepp1_lagrutta/

CREDITI

Testo: Giuseppe La Grutta
Musica: Giuseppe La Grutta/Giacomo Zorzi
Voce e basso: Giuseppe La Grutta
Chitarra: Marco Carboni
Tastiere: Giacomo Zorzi
Batteria: Alfonso Donadio
Trombe: Paolo De Ceglie
Mix: Luca Mezzadra
Master: Max MC Costa
Etichetta: Hukapan Records
Cover: Lorenzo Bailo
Foto (in basso): Erica Mela Magagnato

BIO

Giuseppe La Grutta in arte Pepp1 (pron. Peppuàn) nasce in quel di Palermo nel 1996.

Inizia a scrivere e a produrre canzoni in italiano durante gli anni del liceo, incidendo a 18 anni il disco “Schizzi d’autore” con il Duo Surreale. In questo periodo si appassiona al concetto di “sana competizi1” (pron. competiziuàn) e vince più concorsi presentando alcuni dei brani composti insieme ad Alessio Arena per l’LP sovracitato.

Dal 2016 vive a Milano, dove si diploma in Basso Jazz presso il Conservatorio G. Verdi con il massimo dei voti dopo un percorso accademico di cinque anni. Nel capoluogo lombardo lavora come bassista con più formazioni jazz e rock, alternando small band ad organici orchestrali.

Scrive canzoni che definisce di genere creepy rock: gli argomenti trattati spaziano infatti da vicende di voyeurismo appassionato al desiderio di morire per indigesti1 (pron. indigestiuàn) di cibo spazzatura, passando per love stories culminate su un binario ferroviario. I riferimenti musicali sono i maestri del rock britannico (The Beatles, The Rolling Stones and The Who), Paul Weller, una manciata di gruppi progressive e Franco Gatti dei Ricchi e Poveri.

A livello ideologico costruisce gran parte della propria estetica sulla scelta di sostituire il 1 (uàn) alla desinenza italiana -one. Tale volontà è riaffermata con prepotenza sia nello scritto che nel quotidiano. Da qui la decisi1 incontrovertibile di scrivere questa presentazi1 nel modo finora proposto.

Poco prima della pandemia prende parte a più puntate del programma televisivo “Fantastico” condotto da Lorenzo Campagnari e si esibisce regolarmente presso il locale Ghe Pensi Mi come ospite dello stesso format.

Insieme alla sua band partecipa con il brano “Nathalie” all’edizione 2019 del concorso Fondazione Estro Musicale indetto dallo studio Il Cortile di Milano risultando tra i 15 vincitori su oltre 1200 proposte. A marzo 2021 è nella resident band di “Quelli di Casa Sanremo”, format condotto da Lorenzo Campagnari e Daniela Collu presso il Palafiori di Sanremo nella settimana della famosa kermesse. Nel 2021 registra le sue “canzoni d’amore e di leggero risentimento” presso lo studio Panino di Elio e le Storie Tese.

Tutti i brani incisi sono in uscita per Hukapan, l’etichetta del complesso milanese.
A marzo 2022 rilascia il suo primo singolo “Latte Fai Da Te”, una rapsodia progressive con protagonisti tre animali assetati d’amore. Il videoclip realizzato da Roberto Delvoi per il brano ne eleva i lati più creepy.