Vai al contenuto
  • 2 min read

“NoEasy” è il nuovo EP double track di Al Vox

noeasy al vox

Reduce dal successo del suo terzo album, “TRENTA”, l’eclettico cantautore ligure Al Vox torna nei digital store con “NoEasy” (PaKo Music Records/Visory Records/Believe Digital), un mini EP double track che ne riconferma versatilità e finezza compositiva.

Articolato sulla cifra stilistica del suo autore, quell’urgenza espressiva che esula dal politicamente corretto per abbracciare il bisogno di dar voce ai margini della società e al bouquet emozionale dell’essere umano, “NoEasy” trae il suo titolo dalla crasi di due generi musicali differenti – il Noise Rock e l’Easy Listening –, che all’interno di questo scrigno armonico si amalgamano alla perfezione, portando in essere un tappeto sonoro che non bypassa né si ripiega di fronte alla levatura testuale, ma torna ad identificarsi in una cornice in grado di avvalorare ed impreziosire parole e pensieri dall’intenso impatto sensoriale.

Ascolta NoEasy

Open in Spotify

Dal post punk di “Il mio nome è Nessuno” (qui il videoclip ufficiale) – su cui si staglia un suggestivo ed emblematico nero su bianco tratto dalla visione collettivistica, unitaria e inclusiva del brillante cantautore genovese – al pragmatismo dolceamaro di “FeliceD’esserCane” – che ben evidenzia la sfiducia nei confronti del genere umano, trasfigurata nella scelta di raccontare l’amore incondizionato donato dagli animali -, “NoEasy” esprime una nuova sfumatura della dimensione creativa di Al Vox, che continua a stupire e affascinare non soltanto per il magnetismo e l’autenticità delle sue release, ma anche per la trasversalità delle tematiche trattate e la foggia, la modalità con cui, queste ultime, vengono espresse e tradotte in musica.

nv-author-image

Elisa Serrani

"Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere, la musica lo esprime". V. Hugo.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.