Vai al contenuto
  • 2 min read

“Myosotis , Se potessi” è il nuovo singolo della band

“myosotis , se potessi” è il nuovo singolo della band

I Myosotis sono una band di musica popolare e ritmi mediterranei, capitanata da Raffaele Oppo, composta di 5 elementi.

Formatasi nel 2015, la band pubblica il brano inedito dal titolo “Luna Curiosa”, grazie a cui si classificano terzi ad un premio internazionale di musica “Il canto delle muse”.

Nel 2016 la band pubblica il brano “Paestum” dedicato all’antica città di Poseidonia, per esaltare la sua straordinaria bellezza. La band riceve dal Comune di Napoli il premio alla Cultura per la poesia.

Con il brano “Ritorni L’azzurro” si classificano secondi al un Premio CanzoneItaliana nella città di Como, e con il brano “Ho Bisogno”, allo stesso concorso, si classificano secondi.
Su YouTube pubblicano i video di otto brani: “Luna Curiosa”, “Paestum”, “Mi Hai Rubato L’ Anima”, “Una Storia d’Amore”, “Sul Filo Di Un Sorriso”, “Ho Bisogno”, “Ritorni L’ Azzurro”, ed infine “Oltre Il Buio”, scritto durante il lockdown, immaginando il ritorno alla normalità come una grande festa e gioia dell”uomo e della natura.

Nel settembre 2021 arrivano alla finale di Sanremorock al Teatro Ariston.

Il 2022 vede iniziare una collaborazione con Ettore Diliberto, il produttore artistico che, per Et-Team ha realizzato insieme alla band il brano “Se potessi”.

La canzone è un garbato inno alla vita, un brano con influenze pop-sudamericane.

Il videoclip è stato realizzato dalla regista Francesca De Bonis nel paese di Castellabate (SA) .

Il brano verrà presentato in numerose piazze italiane.

nv-author-image

allmusicnews

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.