Vai al contenuto
  • 2 min read

Mizet, Sei una guerriera

La rapper canta con i suoni dello spazio

mizet

Il primo brano musicale arrangiato con le vibrazioni che emettono i pianeti e le stelle del profondo universo

L’influencer Giulia Marceca in arte Mizet, la rapper fotomodella che prende il suo nome da una stella della nostra galassia,  rimanendo coerente con la sua vena  autorale ecologista, già espressa nelle sue precedenti canzoni,  presenta  il suo nuovo singolo “Sei Una Guerriera”  un pop rap dedicato all’amore universale e al mistero dell’ esistenza dell’uomo.
Con la sua voce a tratti melodica e a tratti graffiante Mizet scivola a tempo  sul suo beat , ottenuto dal campionamento dei suoni delle stelle dell’universo.
Le frequenze  dei satelliti di Saturno ,  i vibrati di Giove e le pulsazioni sincopate della stella di Keplero diventano magicamente gli strumenti musicali utilizzati da Paolo Amati per arrangiare la canzone, il cui testo e la melodia sono stati creati da Mizet stessa insieme a Marco De Antoniis che he ha ideato  le sonorizzazioni spaziali.
Una Produzione musicale che nasce dalla collaborazione delle etichette discografiche  Flender Produzioni e AP Beat .
Il lyric Video è stato realizzato da Marco D’Andragora.

cover sei una guerriera

Mizet  ha esordito nel campo musicale,  cantando la sound track della fiction televisiva RAI “Nero a metà” e pubblicando  successivamente alcuni singoli da cantautrice tra cui  “Per Alieni”, rap dedicato alla difficile situazione ambientale in cui viviamo.

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcodcommunication.it

nv-author-image

Giulio Berghella

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.