Vai al contenuto
  • 2 min read

“Mezze vie”, il nuovo lavoro dei Beating Souls

Destra o sinistra? Mare o montagna? Sole o pioggia? Maschio o femmina?
Ma perché per forza tutto deve essere o completamente bianco o completamente nero? Perché non esplorare o, almeno, accettare l’esistenza delle infinite sfumature intermedie tra gli estremi?
Siamo abituati a classificare tutto per categorie convenzionali ben definite ma la natura è così varia, la mente umana così versatile. Gli stereotipi vanno bene per spiegare la teoria delle cose ma quella che viviamo ogni giorno è la realtà che è ben più dinamica e piena di eccezioni ed emozioni.
Diamo sfogo a tutte le sfaccettature della nostra personalità, apriamo gli occhi e la mente: percorriamo tutte le vie che la vita ci offre, anche quelle di mezzo, che governano il mondo e vivremo in tranquillità.
Parole in cui, pur attraverso qualche cenno autobiografico, tutti ci possiamo riconoscere.

>>> ASCOLTALO SU SPOTIFY & DIGITAL STORES <<<

CREDITS VIDEO:
– Riprese eseguite da: Velvet studio mestre
– Ideato da: Compagnia teatrale fil de fer
– Regia: Matteo Bertasselo, Kim Gasparella
– Attori: Sara Pinna, Catia Meneghinello, Kim Gasparella, Benedetta Chiaramonte, Matteo Bertassello
– Sceneggiatura: Matteo Bertassello, Kim Gasparella – Trucco: Erika Gasparato
CREDITS AUDIO:
– Published by Redgoldgreen Label s.r.l.s.
– Brano suonato da: Andi Bertas (Batteria), Davide Villa (Basso), Federico Grespan (Percussioni), Marco Montresor (Chitarra), Cori Luca Meggiorini (Chitarra) Alessandro Lobosco (Tastiere e cori), Leila Lazrague (Voce), Danilo Montalbano (Trombone) Fabio Scalmana (Tromba) Alessandro Andretta (Sax)
– Studio di registrazione Pontida Studio di Andi Bertas – – Mixed e Mastered by Ciro Pisanelli PRINCEVIBE
nv-author-image

Redgoldgreen Label

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.