Vai al contenuto
  • 2 min read

MEYNSENSE, in uscita il nuovo singolo EPILESSIA/RUMORE. L’intervista

  1. Ci racconti qualcosa in più sul tuo progetto musicale?

Il mio progetto musicale sono io, sono Meynsense, faccio musica strana e mi autoproduco. Definirei la mia arte immersiva ed intima, ma aggressiva e quasi distruttiva a tratti. (É difficile descriversi senza sembrare un megalomane). Oltre al mio percorso da solista lavoro come produttore per e con altri artisti emergenti che adoro (Luke Lecomte, ggiovanni, Luckyeffe, Moxiv e Giovanni Smith.

Ascolta il brano

Open in Spotify

 

  1. Di che cosa parla il tuo ultimo singolo?

Boh credo parli di qualcosa a cui pensavo tornando a casa tardi, l’immagine è un rave bombardato dalle luci, la sensazione è la perdita di punti di riferimento.

  1. Come nascono le tue produzioni musicali?

In pratica ho un’idea e corro al computer, o me la scrivo, o la registro, poi nell’atto creativo non esiste più nessuno e mi perdo e mi ritrovo che è tardi e col mal di testa.

  1. Hai in programma di suonare dal vivo? Come ti immagini su un palco?

Assolutamente si, è qualcosa che voglio fare da tantissimo tempo in quanto penso che il concerto possa mostrare veramente l’identità e l’immaginario del musicista. É un’esperienza sensitiva completa, che per un artista è il miglior modo per esprimersi. Mi perderei parlandovi dei film che mi faccio e delle idee che ho ma in sostanza voglio che un mio concerto sia un momento quasi ipnotico, in cui il pubblico possa spogliarsi dei freni e delle impostazioni/imposizioni mentali. Un’esperienza totalizzante, grafica video, immagini, paesaggi sonori e drop liberatori.

  1. Tre canzoni da consigliarci e che stai ascoltando in queste settimane.

Ultimamente sto ascoltando molto Alessandro Cortini vi consiglio “Scappa”, a mio parere un capolavoro. Alla lista aggiungo “Axolotl” di Doon Kanda e “Tempo”, dall’ultimo disco di Thru Collected che secondo me è l’uscita italiana più figa degli ultimi tempi. 

nv-author-image

Marco Negro

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.