Vai al contenuto
  • 2 min read

INTERVISTA A MATILDE G, la più giovane artista alle audizioni live di Sanremo Giovani

Abbiamo intervistato Matilde G, la sedicenne cantante e compositrice romana, il cui talento è stato scoperto a Singapore: fa parte dei 46 che si sfideranno nelle prossime audizioni live di Sanremo Giovani.

Come ti senti ad essere stata selezionata per le audizioni di Sanremo Giovani?

Non potevo crederci quando mi è arrivata la notizia, praticamente un sogno ad occhi aperti! Sarà dura entrare negli otto cantanti prescelti, ma sono felice di avere una possibilità. Farò del mio meglio e alla fine…viva la musica!

Sono emozionata di tornare in Italia dopo oltre due anni in cui non ho potuto viaggiare per le note restrizioni. Sarà una grande festa.

Che effetto ti fa essere la più piccola dei 46?

Ho sedici anni e sono l’unica minorenne del gruppo. Molti di loro hanno già partecipato a Sanremo Nuove Proposte, Amici, Xfactor e The Voice. Mi sento onorata di essere stata inserita in questa selezione di cantanti fantastici e mi farebbe piacere conoscerli meglio e confrontarmi artisticamente con loro.

Pensi di meritare di entrare negli otto?

Nel mio piccolo, ho fatto del mio meglio per portare avanti con impegno la mia passione per la musica e il mio progetto artistico. Spero di riuscire a far arrivare le mie emozioni alla commissione del Festival e di divertirmi.

Di cosa parla il tuo brano “Lasciami Qui”?

Mi dispiace ma non posso spoilerare niente oltre al titolo per il momento. Spero che possiate ascoltarlo presto! Tengo molto a questo brano perché rappresenta uno stato d’animo che ho provato negli ultimi mesi. Sono particolarmente legata anche al video che uscirà insieme alla canzone, perché l’ho realizzato esattamente come lo volevo, curando personalmente ogni dettaglio.

nv-author-image

Lorenzo

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.