Vai al contenuto
  • 2 min read

Lucifer, il nuovo singolo di Zamy

È uscito il 28 maggio Lucifer, il nuovo singolo di Zamy.

Il sesto singolo della giovane cantante di Parma è un brano dal carattere pop rock ispirato alla storia d’amore tra Chloe e Samael, personaggi della serie tv Lucifer.
L’artista descrive con musica e parole la propria relazione sentimentale utilizzando la serie tv come metafora.

Sono rimasta affascinata dalla serie tv Lucifer e ho iniziato a trovare delle similitudini con la mia vita. – Spiega Zamy – Nelle notti insonni l’unica cosa che riuscivo a fare era guardare la serie su Netflix e immedesimarmi con i protagonisti che vivevano una relazione molto simile alla mia: due persone del tutto diverse che riuscivano a stare bene insieme solo nel mondo virtuale.

BIO

Zamy, all’anagrafe Noemi Trento, nasce a Parma nel 2006. Si avvicina prestissimo al mondo della musica, iniziando a studiare pianoforte a soli sei anni. Prende lezioni di canto e comincia a esibirsi dal vivo già a 11 anni. Il 20 marzo del 2020 ha pubblicato il suo primo singolo “Look Into My Eyes”per la IM Records. Il 22 maggio pubblica il singolo “Tutto Passa”, una lettera virtuale a sostegno di chi subisce quotidianamente bullismo e discriminazioni. Il 3 luglio esce con il terzo singolo “Cometa” e il 23 ottobre pubblica Boy feat. Skaflus.
Il 15 dicembre 2020 insieme alla band Avelion, Zamy, approda al metal melodico, omaggiando Amy Lee in uno dei più grandi successi degli Evanescence, Bring Me To Life.

 

nv-author-image

Francesca

Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.