Vai al contenuto
  • 2 min read

Looser Mindset Chimera di Tank Core

Looser Mindset Chimera nasce in un periodo della vita di Tank Core (Simone Carro): l’adolescenza. Un momento che segna un cambiamento importante, che determina la crescita personale, che porta ad essere chi saremo nella vita di tutti i giorni.

Gli sbagli e le incertezze che segnano la gioventù verranno sicuramente superate ma al prezzo di venire a compromessi con ciò che è il mondo reale, con ciò che è la realtà comune e inevitabile.

Il coraggio e allo stesso tempo la stupidità di andare contro queste leggi non scrite sono le piccole lotte e i rifiuti che riempiono i tempi vuoti dell’adolescenza.

In queste piccole grandi battaglie, si passa attraverso a una serie di stati d’animo, di momenti che portano a volere e a dover chiarire le emozioni che si provano, a volte troppo confusionali e sparse per poterle comprendere.

La necessità di Tank Core nasce dalla sua confusione e la sua conclusione è il titolo del brano: Looser Mindset Chimera.

BIO:
Simone Carro in arte Tank Core, inizia ad interessarsi alla musica fin da piccolo, quando insieme agli amici si approccia ai primi strumenti musicali, in particolare alla batteria.

La musica per Simone è una valvola di sfogo, dove riversa ogni emozione da quella positiva a quella negativa.
Cresce musicalmente ascoltando i System of a down, gli Eagles fino ad arrivare agli asoclti odierni: Bring me the horizon e artisti indie in genere.

Sul brano looser mindset chimera oltre alla voce, Simone Carro (Tank Core) suona batteria e chitarre, arrivando a incidere personalmente ogni parte e traccia del brano.

nv-author-image

desa-comunicazioni

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.