Vai al contenuto
  • 4 min read

Liuck: “Until I see You Again”… E tanta nuova musica

Abbiamo fatto 4 chiacchiere con Liuck, dj producer italiano che in carriera ha totalizzato ben 7 milioni e mezzo di stream. Dopo una carriera tra trance e progressive, aver collaborato a lungo con artisti come Fabio XV ed aver pubblicato musica selezionata pure da sua maestà Armin Van Bureen (la sua “Back to You” è stata in inclusa nella compilation “A State of Trance”), nel 2022 allarga ancora i suoi orizzonti musicali.

Che stai facendo di bello in questo momento dal punto di vista musicale e personale?

Sono molto contento in questo periodo perché dopo un lungo stop da qualche mese mi è tornata la voglia vera di spendere le ore in studio, a creare, ascoltare, divertirmi. Questo va di pari passo con una stagione molto serena della mia vita personale. Completo e libero. Ecco come mi definirei in questo momento.

Ci racconti come suona il tuo più recente disco? Come è andata la produzione? 

Per la prima volta da quando ho iniziato a produrre (la prima release “Prince & Beggar” è del 2013), sento che la nuova traccia, “Until I see You Again”, rappresenta una svolta. è un disco più lento, più Progressive; con influenze diverse, anche dalla Techno e dalla Trance ovviamente.

In che direzione musicale stai andando? E in che direzione ti sembra stia andando la musica in generale? 

Se penso che una delle mie ultime release era “You & I” feat Kyler England, direi che mi sono decisamente rallentato, sarà l’età che avanza. Forse questa è una tendenza non solo mia, ma non me ne curo troppo… non ho mai guardato a quello “che funziona” entrando dalla porta dello Studio.

Come ha cambiato la scena musicale lo streaming? Ci sono ancora i ‘grandi successi’? E qual è il tuo obiettivo personale in un momento così strano per l’industria musicale? 

Lo streaming, come i social Media, è uno strumento fortemente democratico, da opportunità e voce a tutti con i pro e contro del caso. I “grandi successi” ci sono ancora, forse sono meno o forse sono a volte più “nascosti” in mezzo ad una selva di proposte. Credo la Musica sia sempre bella, credo si sappia fare ancora musica bella ma a volte ho l’impressione che non sia sempre di interesse o conveniente. Il mio obiettivo fino ad ora è sempre stato lo stesso: divertirmi in studio, fare musica che personalmente mi piaccia e mi identifichi, al massimo delle mie capacità e possibilità.

Ci racconti da dove vieni dal punto di vista musicale? E quali solo le tue release  del passato che oggi ti rappresentano di più?

Ho cominciato facendo il DJ nei locali, seguendo mio fratello. La musica è sempre stato il mio sogno fin da bambino. Mi sono trovato quasi per caso in studio con Fabio XB a produrre il mio primo pezzo Trance, era il 2013. Sono ovviamente legato a tutti i miei pezzi, ma forse “Step into the light” e “Back to You” con Fabio e Christina Novelli sono quelli che artisticamente e personalmente ricordo per primi.

E a livello musicale, cosa stiamo ballando in questa calda estate 2022?  E tu, che musica ascolti in questo periodo? Qual è l’artista che stai ascoltando di più? 

Sto ascoltando molti artisti, che prima non seguivo, nel panorama elettronico e non… essendo tornato in studio avevo anche tanta necessità e voglia di stimoli e riferimenti nuovi. Non tutti sono artisti blasonati, anzi, ma in queste calde sere estive mi piace rilassarmi ascoltando ad esempio i Forester.

Come vedi il presente ed il futuro di chi fa musica da ballo, ovvero propone un bel mix di cultura e divertimento? 

La gente ha ancora voglia di divertirsi “sottocassa”, di ballare, di scacciare anche in questo modo le tristi notizie che abbiamo sentito e stiamo vivendo in questi tempi, non credo sia superficialità o menefreghismo, ma una forma di salvezza ed autodifesa. La Musica è, è stata è sarà sempre una nostra grande forza; avrà sempre spazio nelle nostre vite. Trattiamola con rispetto!

A che punto ti senti della tua carriera musicale?

Mi sento rinato, pieno di stimoli e con tanto ancora da dare e da dimostrare a me stesso. Forse non mi sono mai sentito così carico e motivato, sicuramente sto passando più tempo di sempre in studio e mi sono fissato nuovi traguardi; sarà anche per quella “completezza e libertà” di cui prima dicevo. E poi ho un tributo da rendere a Fabio XB (purtroppo scomparso nel 2019).

nv-author-image

ltc

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.