Vai al contenuto
  • 2 min read

L’Elfo, “Uzi” è il quinto video-episodio estratto da “MILORD”

Il 28 gennaio è uscito in digitale e su YouTube UZI, il nuovo brano firmato dall’artista catanese L’ELFO, pronto per l’imminente pubblicazione del nuovo Ep MILORD, presto fuori per Magnitudo (powered by Time Records). UZI è il quinto estratto di questa serie musicale in video-episodi, e dei sette singoli che la compongono rappresenta quello stilisticamente più sperimentale e inedito nella tracklist. 

Le sue sonorità tra il punk e l’alternative rock ad opera di ERRE fanno da sfondo a un nuovo slancio nella scrittura de L’Elfo, che mette alla prova le proprie rime su tappeti musicali ancora mai esplorati. 

Per uno fra i più apprezzati rapper dello Stivale, UZI è la dimostrazione che anche su terreni non ancora battuti si può seguire il fil-rouge di una storia con efficacia. Qui, l’attenzione si sposta dai temi trattati nei singoli precedenti – le relazioni amorose (Insonnia), la precarietà dei rapporti (Fragili), il confronto con se stessi (Scuola), i legami tossici (Saturno) – alla totale perdita del controllo in una fuga caotica e confusionaria, ma anche divertente, con la ragazza dei propri sogni. 

L’uzi del titolo è la rappresentazione della musica del rapper, carica di cartucce (le rime) pronte a dimostrare chi è il migliore in questo gioco. Con una buona dose di autocelebrazione (dalla Sicilia mi sto prendendo l’Italia), e due nuove strofe ricche di immagini – a volte anche un po’ spinte – L’Elfo ci fa salire sulla sua adrenalinica giostra, soprattutto mentale. E quando si scende, la testa continua a girare…

Il videoclip è, come i precedenti, a cura di Graziano Piazza.

nv-author-image

Lorenzo Redi Redi

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.