Vai al contenuto
  • 2 min read

Le Rivolte tornano con Bevi responsabilmente: il video

Bevi responsabilmente è il nuovo singolo de Le Rivolte, progetto parallelo de Il Cile. Dopo il debutto il giorno di San Valentino con la malinconica e sofferta Bromuro, la band ci propone un’altra chiave del loro repertorio in divenire puntando sull’ironia e il divertissement, sempre mantenendo un’impronta di lucido cinismo nel dipingere la realtà circostante.

Il protagonista vive in maniera spregiudicata facendo dell’alcolismo il suo credo quotidiano con un giro del mondo ad alta gradazione dove il Campari bevuto in Puglia si mischia con la grappa sull’Himalaya, dando vita a un cocktail geografico micidiale. A quest’ebbrezza continua viene contrapposta l’esortazione sarcastica del ritornello a controllare le proprie pulsioni in nome dell’etica o del senso di responsabilità o a fingere come un influencer che distorce quello che sta provando mostrandosi all’utente dei social sempre in preda a una felicità effimera e inventata, con la conseguenza che ad avvicinarsi non è la morte fisica quanto quella dello spirito.

Ad accompagnare il pezzo una strumentale piena che emerge con prepotenza nel finale, un suono pulito e suonato, lontano da arrangiamenti campionati che strizzano l’occhio a quello che va in voga nel mercato. Il rock fatto per il gusto di farlo, senza preconcetti né velleità, è la prerogativa di questo gruppo di artisti e amici che trovano nel live la propria dimensione più congeniale e che ci presentano, con questo nuovo brano, ulteriori potenzialità tematiche e sonore.

Ascolta Le Rivolte su Spotify

Segui Le Rivolte su Instagram

nv-author-image

Roberto

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.