Vai al contenuto
  • 3 min read

Ecco “That’s The Matter”, il nuovo videoclip di Elisabetta Guido

È disponibile da venerdì 6 maggio, su YouTube (www.youtube.com/watch?v=ipiBmit9bVw) e su tutte le piattaforme digitali, “That’s The Matter”, il nuovo videoclip dell’autrice e cantante jazz Elisabetta Guido, che anticipa l’album “Arabesque”, in uscita il 20 maggio per l’etichetta Alfa Music, realizzato in trio con gli affiatatissimi Mirko Fait (sax tenore e soprano) e Martino Vercesi (chitarra) e con il trombettista Fabrizio Bosso come special guest.

Il videoclip, girato dal giovane videomaker Fabien Frigerio negli spazi dell’Après-coup Milano, elegante bistrot del capoluogo lombardo, descrive una giornata di prove di un gruppo di musicisti e vede, oltre alla leader e ai suoi più stretti collaboratori, anche la partecipazione della cantautrice Alessandra Zuccaro. Afferma Elisabetta Guido, voce emergente della scena jazz italiana: «“That’s The Matter” è un samba ed è il pezzo di punta del mio nuovo disco. Si tratta di brano a tre voci (nella traccia del disco canta anche la vocalist Azzurra Buccoliero) che, grazie anche all’effetto coralità, vuole trasmettere un senso di leggerezza, di spensieratezza e di allegria dopo i lunghi periodi di lockdown che abbiamo vissuto negli ultimi due anni». A proposito del videoclip: fanno parte della scenografia del filmato le opere dell’artista Holly Heuser, i cui lavori sono esposti presso la galleria Arteutopia Milano, all’interno dello stesso Après-coup.

ecco “that’s the matter”, il nuovo videoclip di elisabetta guido

Come detto, “Arabesque”, l’ultima fatica discografica della salentina Elisabetta Guido e del suo trio, uscirà il 20 maggio: l’album, che è stato registrato presso lo studio Artesuono di Stefano Amerio, sound engineer di fama internazionale, racchiude nove tracce, gran parte delle quali firmate dalla leader, che spaziano fra swing, ballad, samba e tango. Nel disco sono presenti anche un pezzo di Mirko Fait (“Sempre per te vivrò”), un brano (“A Wish”) del pianista statunitense Fred Hersh e una composizione (“La chitarra di fiammiferi”) di Angelo Inglese, noto direttore d’orchestra e autore di opere liriche contemporanee.
Il nuovo disco verrà presentato in due anteprime nazionali: venerdì 20 maggio, all’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, Elisabetta Guido si esibirà insieme a Mirko Fait (sassofoni), Martino Vercesi (chitarra), Giorgio Vogli (batteria) e, come special guest, Luca Garlaschelli (contrabbasso); domenica 29 maggio, al Teatro Elfo Puccini di Milano a questi musicisti si aggiungeranno le vocalist Alessandro Zuccaro e Azzurra Buccoliero.

Cantante, autrice, direttrice di coro, Elisabetta Guido è anche pianista, arrangiatrice e docente e ha fatto della versatilità e della poliedricità la sua caratteristica peculiare: è, infatti, capace di spaziare con eleganza e disinvoltura tra i generi musicali, dal jazz al blues, dal soul al gospel, non disdegnando neppure incursioni nell’ambito della lirica. Nel corso della sua carriera, la musicista pugliese ha collaborato con artisti del calibro di Renzo Arbore, Tullio De Piscopo, Javier Girotto, Ares Tavolazzi e Flavio Boltro, solo per citarne alcuni.
Sassofonista tra i più attivi sulla scena milanese, Mirko Fait ha collaborato con musicisti quali Flavio Boltro, Antonio Zambrini, Tony Arco, Attilio Zanchi, Marco Panascia e Luca Garlaschelli.
Diplomatosi con il massimo dei voti in chitarra classica al Conservatorio G. Verdi di Milano, Martino Vercesi ha completato la sua formazione studiando chitarra jazz con Gigi Cifarelli, Adam Rogers e Pasquale Grasso. Ha collaborato con alcuni dei più noti jazzisiti italiani, tra cui Luigi Bonafede, Giovanni Falzone, Fabrizio Trullu, Ares Tavolazzi, Walter Calloni, Ferdinando Faraò e Danilo Gallo. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni, sia come solista sia come sideman.

nv-author-image

Andrea Conta

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.