Intevista a Ianez: tra sogni e …notti insonni

“Minerva”, il nuovo singolo di Ianez (prodotto da Fabio Tumini per Satellite Records) è disponibile dall’1 Aprile su tutte le piattaforme digitali (in radio dal 2 Aprile), accompagnato dall’onirico videoclip per la regia di Antonella Giuliano.

Minerva, dea della saggezza, nasce da un mal di testa di Giove. Ianez usa la stessa metafora per descrivere un amore finito, una delusione e l’ossessione del ricordo. Una presenza che continua a vivere in un ambiente condiviso dove ogni cosa, ogni elemento rievoca attraverso le immagini “ciò che è stato” rendendo ancora più desolante la fine della storia.

Un brano a suo modo dolce, semplice, una sirena di sottofondo a sottolineare l’assillante desiderio di provarci ancora perché forse sarebbe potuta andare meglio. Un desiderio che dovrebbe sfociare nella rassegnazione ma, per farlo, è necessario che tu,“ la mia Dea”, esca dalla mia testa per liberarmi e permettermi di mettere un punto senza il quale non è possibile ricominciare.

Conosciamo meglio Ianez tra i suoi sogni e le sue notti insonni!

-Da dove viene l’ispirazione per “Minerva”?

“L’ispirazione arriva con una notte insonne. L’insonnia ti tormenta, è ossessiva ed è qualcosa dalla quale cerchi di liberarti ma lei non ti lascia e ti resta nella testa come un amore finito.”  

 

Quanto c’è di autobiografico nella tua musica?

“C’è tantissimo di autobiografico. Prendo spunto da ogni esperienza, dal vissuto, dai ricordi, dalle paure, dal bello e dal brutto”.

 

– Hai mai avuto una Minerva anche tu nella tua testa? Un’ossessione, una persona o forse solo la musica?

“Si !!! Ho avuto una “Minerva” per questo non è stato difficile descrivere quella sensazione opprimente, quel tormento che spesso quando finisce ci si domanda: “perché sono stato tanto male?”. La musica no, non è mai stata una ossessione in questo senso e mi auguro non lo diventi mai.”

 

Con quale artista del panorama nazionale o internazionale ti piacerebbe collaborare? E chi, se c’è, ti ha maggiormente influenzato?

“Mi piacerebbe una collaborazione con “lo Stato Sociale” ma anche con i “Calibro 35” con entrambi potrebbe uscire qualcosa d’interessante.” Ascolto tantissima musica di ogni genere, stile, provenienza, sono influenzato da tanti artisti ma non ho un riferimento che riconosco.”

Default image
Francesca
Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali
Articles: 559