Vai al contenuto
  • 4 min read

INTERVISTA | Giors presenta il nuovo album ‘Incontri’

Dopo l’ultimo album, composto nel 2019 e intitolato L’amore, l’aquilone e il cielo, Giors torna a parlare per raccontare ai propri uditori le riflessioni, le sensazioni e i pensieri che lo hanno accompagnato nella produzione del nuovo disco, Incontri, che è possibile ascoltare qui: https://sptfy.com/6ZSX

Godetevi l’intervista che abbiamo realizzato per voi con Giors.

Ciao Giors, le parole e i silenzi sembrano ispirare la tua musica allo stesso modo. Ci racconti qual è il tuo processo creativo?
Le cose che scrivo nascono, con l’ausilio di un pianoforte o di una chitarra e dalla ricchezza della fraseologia musicale di Vincenzo Delli Carri, dal mettere insieme quelle sensazioni ed emozioni che penso possano spostare almeno per qualche minuto l’attenzione quasi ossessiva sulle cose che dobbiamo fare nel quotidiano verso un punto di vista ‘‘inutile ai fini della crescita del mercato’’, ma non escluderei invece utile ad aprirci a prospettive diverse nella scelta di sentieri più premianti non soltanto per il paesaggio che ci regalano.

Incontri è frutto delle riflessioni e percezioni di due anni condizionati dalla pandemia. Com’è cambiato il tuo approccio alla musica in questo periodo?
A volte è diventato più introspettivo, a volte ha sostituito quello che chiamo “l’urlo dell’anima”: una specie di sfogo esistenziale frutto della fatica nell’imparare questo vivere nella nuova realtà pandemica che ha relegato al passato buona parte dei comportamenti e delle abitudini che conoscevamo. Dunque la ricerca verso un’Armonia capace di essere cornice e motore di questo graduale adattamento al cambiamento in un contesto dove c’è solo una certezza: l’incertezza!

Il confronto con sé stesso, il ricongiungimento con gli altri, la speranza in orizzonti migliori e la malinconia. Come sei riuscito a bilanciare questi temi nel nuovo album?
Prendendo spunti dal passato e cercando di reinventare il presente nelle piccole cose del quotidiano, al di là dei limiti e/o delle contraddizioni che quest’ultimo ci propina. È fondamentale vivere il presente e non riesco a comprendere come mai tante persone parlino molto di futuro trascurando grossolanamente di vivere il presente da cui si può trarre ispirazione per disegnare un futuro migliore.

Ci parli del tuo rapporto con Torino? Città a cui hai anche dedicato un brano molto intenso.
Per me Torino è stata giovinezza, incontro, lavoro, amore, poesia, meraviglia architettonica, speranza, musica, gioia, sogno ed è tutt’ora tutte queste cose, che si mescolano in modo armonico in un cocktail di vita inebriante che spero di assaporare ancora per molto tempo. Come potevo non dedicarle una canzone con tutta la magia che mi ha offerto?!

Non svelare la tua identità rivela l’intento di proteggere una sensibilità artistica profonda e di porre la musica in primo piano rispetto all’immagine. Puoi approfondire con noi questa tua particolare scelta?
In un mondo ossessionato dal voler apparire, dove pare si sia sostituito il Cogito ergo sum con Videtur ergo sum, il mio voler dare tutta la scena ai testi e alla musica delle canzoni, anziché alla mia persona, è una necessaria scelta di controtendenza, ma non necessariamente una provocazione. Se volessi divulgare il mio modo di fare giardinaggio oppure quello di come impostare una discesa con gli sci in neve fresca allora penso che oltre le parole alcune immagini sarebbero senz’altro utili. Qui invece parliamo di parole in musica. Un tentativo di proporre brani con melodie che richiedono la pazienza dell’ascolto. L’intento è dunque quello di evitare che in qualche modo l’ascolto possa essere distratto da immagini soprattutto se riferite a me, affinché ogni ascoltatrice o ascoltatore possa attraverso i miei brani passare un tempo buono, magari ricordando, ripensando o disegnando i fotogrammi del proprio esistere.

Ultima domanda, volutamente diretta. Amore o Libertà: che cosa scegli e perché?
Amore, perché la vera “Libertà” la incontri solo lì.

Giors, grazie per le tue risposte e in bocca al lupo per il tuo nuovo album Incontri.
Grazie: viva il lupo!

Info:
https://www.facebook.com/Giors.official
https://www.instagram.com/giors.official

Open in Spotify

nv-author-image

Subaddict

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.