Intervista con i Grill Boys

grill boys

APE, dopo il successo degli eventi tenutosi in Piazza degli Affari, è pronto per iniziare la stagione più bella dell’anno al Parco Sempione (Arena Civica) a partire da martedì 31 maggio dalle ore 18 all’01. Il concept di questa stagione di APE è “A NEW CLASSIC”, che celebra il decimo anniversario dalla fondazione, creando un ponte tra l’attività che l’associazione ha svolto in passato e quello che ha in programma per il futuro. Una sfida a trovare nuove soluzioni, adattandosi al cambiamento e dialogando con esso.

Nel corso degli anni APE si è consolidata come una delle principali realtà milanesi, creando eventi all’aperto con l’obiettivo di valorizzare l’aggregazione sociale. In questa nuova stagione ritroveremo come sempre l’accesso gratuito, street food e drinks per l’aperitivo, concerti, djset e tanto divertimento. APE promuove da sempre tutte le forme di espressione artistica, coinvolgendo artisti indipendenti e realtà affermate nella creazione di contenuti originali. Ma APE è anche musica e intrattenimento, un luogo di incontro tra novità musicali locali e internazionali, un palco su cui esibirsi per i nuovi talenti, ma soprattutto uno spazio da vivere e condividere insieme.

Oggi, in un evento che si svolgerà a Parco Sempione a partire dalle 18, suoneranno dal vivo i Grill Boys, e noi abbiamo avuto la fortuna di scambiare quattro chiacchiere con loro

grill boys

Com’è andata per voi questo rientro a pieno ritmo per quanto riguarda i concerti?

A pieno ritmo? Abbiamo suonato 3 volte quest’estate… ci serve qualcuno che ci faccia da booking.

E che rapporto avete con Milano?

Ci siamo nati tutti e tre, ci siamo cresciuti e ci siamo conosciuti. Vogliamo bene a questa città ma sta diventando sempre più stretta.

E con APE NEL PARCO? Ne siete anche dei frequentatori oltre che degli ospiti per martedì? Cosa vi aspettate?

Siamo sempre andati all’ape nel parco, abbiamo iniziato a frequentarlo durante gli la maturità, era il periodo in cui uscivano i nostri primi pezzi. Da martedì ? Ci aspettiamo che non piova.

Pensate che Milano sia ancora una città favorevole per fare musica, nonostante il sovraffollamento della scena musicale?

Non crediamo abbia troppo influenza la città dove vieni, l’importante è connetterti con gli artisti di altre città come successe nel 2016. Noi stiamo puntando molto su questa cosa, ci piacerebbe se nascesse un nuovo movimento.

Avete conosciuto di recente delle “Nuovissime Tipe”?

Domanda scomoda, siamo tutti e tre in un periodo molto difficile. Speriamo di conoscerne di nuove martedì, ragazze il nostro back è sempre aperto.

DM Staff Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Potrebbero interessarti anche...