Vai al contenuto
  • 3 min read

Intervista con gli Anticorpi dopo il nuovo singolo Vota Estinzione

Fuori da venerdì 17 dicembre 2021 il nuovo singolo Vota Estinzione degli Anticorpi. Un nuovo capitolo per la band sci-fi technopop formata da Giovanni Di Iacovo e Arnaldo Guido che propone con amore e convinzione l’estinzione volontaria della razza umana: un brano politico e irriverente che prende le parti di un pianeta, il nostro, ormai in fin di vita.

Ecco cosa ci hanno raccontato gli Anticorpi nell’intervista

Come mai il nome Anticorpi?
Vogliamo essere anticorpi alla banalità, all’idiozia, alla paura per carenza di futuro. Sintetizziamo farmaci musicali per curare il popolo dai mali del mondo e da quelli intimi, personali, quotidiani, uno ad uno.
Iniettiamo veloce musica elettronica con testi politically scorrect perché vogliamo diffondere felicità facendovi sudare il corpo che le idee. Nei nostri blister musicali raccontiamo intime fragilità contemporanee e distopiche visioni del futuro in un inno alle diversità.

Quando siete gli Anticorpi quando Giovanni e Arnaldo? Chi ha la meglio quando litigate?
Noi due cerchiamo di essere anticorpi tutti i giorni, anche se a volte siamo un po’ antinfiammatori, a volte un leggermente diuretici, a volte persino un po’ fiori di Bach. Diciamo che quando litighiamo, tra noi due ha la meglio Electra, la nostra cantante virtuale presente in ogni brano e che nei live canta e interagisce con il pubblico tramite un bizzarro schermo che montiamo sul palco.

Di cosa parla il vostro nuovo singolo dal titolo “Vota Estinzione”?
Vota Estinzione inneggia a un movimento dedito alla difesa del nostro pianeta, da noi creato, chiamato Partito per l’Estinzione Volontaria della Razza Umana. Proponiamo con amore e convinzione l’estinzione volontaria degli umani perché questa è l’unica concreta soluzione per salvare davvero la natura e l’ambiente. Il nostro pianeta è minacciato da una e una sola terribile creatura: l’uomo, parassita egoista che divora e distrugge. 
Cantiamo “L’uomo non ha difetti, l’uomo E’ il difetto” perchè è l’unico responsabile dei cambiamenti climatici e di ogni danno alla natura. Inutili le vuote promesse degli imperatori della terra, e temiamo che anche le più sacrosante battaglie per l’ambiente non possano davvero prevalere se non eliminiamo il problema alla radice: ci siamo divertiti ma ora estinguiamoci!

Come vi siete conosciuti? E quando avete deciso di avviare un progetto musicale?
Abbiamo iniziato lavorando per anni nel nostro laboratorio medico-musicale tra alambicchi, sperimentazioni sonore, romanzi di Philip K. Dick e liquori abruzzesi prima di uscire allo scoperto. Abbiamo assemblato una factory visionaria e biomeccanica fondendo uno scrittore cyberpunk (Giovanni Di Iacovo) con un musicista elettronico (Arnaldo Guido).
Ci conosciamo da sempre, Giovanni scriveva romanzi e Arnaldo dirigeva una discoteca. Quando usciva un nuovo romanzo mettevamo su dei reading sempre più assurdi che sfociavano il più delle volte in party incontrollati e omicidi rituali. Da tempo tutti e due avevamo voglia di musica elettronica, da ballare ma con testi tosti.

Piani per il futuro?
L’amore! A San Valentino 2022 uscirà il nostro brano “Poliamore Mio”, sul poliamore, sulle non-monogamie etiche e su tutte le nuove declinazioni di questo sentimento, perché noi crediamo nelle evoluzioni e rivoluzioni!

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Continua
50%