Vai al contenuto
  • 3 min read

Intervista | BROCK presenta il singolo DELICA

BROCK esce con il nuovo singolo ‘Delica’, il cui videoclip è possibile vedere qui: https://youtu.be/7wp1PMKrXdMhttps://sptfy.com/8njX

Godetevi questa succosa intervista che abbiamo realizzato per voi con BROCK

1. Ciao BROCK, presentati al pubblico italiano e raccontaci il tuo percorso musicale.
Sono nato a Columbus, Mississippi, a circa 50 miglia dalla casa natale di Elvis. Mi sono spostato un po’ da una parte all’altra degli Stati Uniti, dalla costa orientale a quella occidentale, dal Montana al Colorado, dalla California all’Inghilterra, fino a un semestre di primavera all’Università dello Yunnan, nel sud della Cina. Ho visitato circa 15 paesi diversi, ho scritto e diretto film indipendenti, ho lavorato come attore e modello con l’agenzia di recitazione e modelle Elle mentre vivevo a Beverly Hills, CA.

Ora la MUSICA, ho raggiunto un punto della vita in cui avevo raggiunto tutti i miei obiettivi, avevo fatto tutto ciò che volevo fare, oltre ad avere una famiglia e dei figli. Così mi sono sposato, ho avuto due figli, un maschio e una femmina. Mia moglie se n’è andata con i bambini 7 anni fa. Ho passato l’inferno per 5 anni, sono stato gravemente depresso e ho avuto tendenze suicide. La mia famiglia era tutto. In un ultimo tentativo, per trovare un senso e uno scopo, ho viaggiato per il mondo e ho visitato 9 Paesi. Durante i miei viaggi ho riflettuto a lungo su cosa mi aspettava.

La risposta era la MUSICA e un cane di nome BROCK. Mi sono allenato intensamente sotto la guida di un istruttore privato certificato Ableton per sei mesi. Migliaia di ore precedenti investite nell’editing video e audio hanno accelerato notevolmente le cose. Ho trovato qualcosa che amo così tanto da perdere la cognizione del tempo mentre compongo. Le mie creazioni mi travolgono. Ho iniziato a fare musica per me, come se fossi l’unico pubblico. Il mio obiettivo era imparare a usare gli strumenti e scoprire quale musica sarebbe uscita da me. Eccola qui, la adoro e spero che piaccia anche a voi!

2. DELICA, il tuo nuovo singolo, è il risultato di un lavoro di ricerca in studio basato su accurate scelte di sintetizzatori. Come è nato il brano?
Delica è un brano che ho iniziato nel 2019, nel corso degli anni ho continuato ad aggiungere e sottrarre dallo scheletro originale fino a quando ho sentito che era pronto per essere pubblicato. Mi è sembrato molto sperimentale fin dall’inizio. Sembrava che non avessi il controllo. La canzone mi guidava, io mi sono lasciato andare e l’ho seguita.

3. Ti definisci un artista “senza confini”. Puoi aiutarci a capire meglio questa definizione? Sei un produttore che spazia tra EDM, Hi-fi e Lo-fi. Quali generi preferisci produrre?
Non mi interessa essere limitato dai generi. Sarebbe difficile guardare al mio lavoro e collocarlo in una o due delle categorie tradizionali. Non imito nessuno. C’è qualcosa dentro di me che ha bisogno di esprimersi. Ecco come suona.

4. Se dovessi indicare 5 produttori che ti hanno influenzato nel tuo percorso artistico, chi citeresti?
Sono un fan di Avicii, David Guetta, Giorgio Moroder, Christopher Comstock, Alessandro Lindblad.

6. Ultima domanda: quali sono i tuoi prossimi progetti musicali e quando pensi che potremo apprezzarti dal vivo in Italia?
Negli ultimi due anni ho pubblicato solo poche canzoni. Sono stato in lab a preparare oltre un centinaio di nuovi brani. Straight Fire, non vedo l’ora di farveli ascoltare quest’anno e il prossimo. Sto sempre imparando e crescendo. È bello vedere la mia musica evolversi. L’Italia è senza dubbio nel mio radar, questo autunno o la prossima primavera, secondo me.

nv-author-image

Subaddict

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.