Vai al contenuto
  • 2 min read

intervista alle NOSARA dopo il debutto con STONATA

Dopo il debutto delle Nosara con Stonata uscito venerdì 4 giugno 2021, un brano che racconta una relazione impossibile, per tutti quelli che, almeno una volta, si sono sentiti come un retta parallela, con qualcuno vicino che non possiamo mai toccare davvero, ecco cosa ci hanno raccontato nell’intervista

Ciao ragazze, come mai avete deciso di presentarvi al pubblico con Stonata? 

È uno dei nostri testi più intimi, ci ha messe completamente a nudo. Un modo per dire “ok, noi siamo questo, prendere o lasciare”. 

Quale relazione descrive il brano? 

Un episodio. La metafora viene espressa benissimo da IDIO, il regista che ne ha curato il videoclip. Una partita di tennis sempre più incalzante senza vincitori né vinti. Si torna a casa solo con grandi rimpianti. 

Come state vivendo questo nuovo periodo di rinascita? 

Con curiosità per il futuro per le possibilità che ci saranno. Siamo molto felici di essere riuscita a rimettere insieme i pezzi e ad uscire con qualcosa che, a detta di chi ha ascoltato, è arrivato dritto al cuore.  

E come avete impiegato il tempo più in più offerto dalla pandemia? 

A viverci in ciò che la vita frenetica pre-pandemia di solito ci poneva in secondo piano. A scavarci dentro, trovando risposte a domande che prima erano sopite. 

Come la vedete la situazione dei live? Avete già programmato qualcosa?

Abbiamo avuto delle proposte, ma siamo ancora in fase di preparazione

nv-author-image

Roberto

Appassionato di Musica, mi piace ascoltare i brani degli artisti emergenti e condividerli con il pubblico.

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.