Intervista alla cantautrice Liet: «Vi presento “Eterna”»

liet
LIET

Giulia Baldissera in arte LIET è una cantautrice nata a Treviso nel 1997. È da poco uscito il suo disco d’esordio, “Eterna” e l’abbiamo raggiunta per fare qualche domanda a riguardo.

Hai da poco pubblicato il tuo primo album, “Eterna”. Aiutaci a definire la musica che incontriamo in questo brano…

“Eterna” è il brano che apre l’album, troviamo la mia chitarra acustica che si intreccia con i violoncelli di Andrea Beninati, un arrangiamento molto semplice perché il testo è a tratti complesso da decifrare necessitava di questo vestito.

 

Sei di Treviso. Che rapporto hai con le radici, con l’appartenenza a un luogo?

Treviso è una città che non mi piace particolarmente, ora sono qui per motivi legati alla pandemia, due anni fa vivevo a Milano e mi sentivo sicuramente meglio, parlando di mentalità qui a Treviso c’è ancora molto lavoro da fare…

liet

LIET


Quando registri, pensi all’impatto che il brano avrà su un palco?

In realtà no, mi concentro molto sull’impatto che ha su di me.

 

Hai degli artisti di riferimento su tutti?

Sì i miei riferimenti musicali sono i Verdena, Cristina Donà e Vasco Brondi.

 

Sempre più frequentemente si discute del rapporto fra musica e social: per molti artisti emergenti, Facebook, Instagram, Twich rappresentano una grossa opportunità per raggiungere un maggior numero di persone. Quale rapporto hai con questa realtà?

Non mi trovo sempre a mio agio, anzi spesso vorrei cancellarli però con il tempo ho imparato a usarli con coscienza. A mio avviso conta molto la qualità del contenuto e non la quantità, quindi mi piace anche prendermi dei momenti di pausa e non postare nulla soprattutto quando non ho nulla da dire.

 

Progetti per questo 2022? Qualche live in vista?

Finalmente ora stamperemo le copie fisiche del disco e all’orizzonte vedo qualche live in primavera ma è tutto ancora un po’ per aria per cause ovvie, che non dipendono da noi purtroppo.

 

Potrebbero interessarti anche...