Vai al contenuto
  • 2 min read

Intervista al cantautore milanese Meazza e le sue “Le parti peggiori”

Disponibile dal 19 Marzo in radio, su tutte le piattaforme digitali e su YouTube con il videoclip, “Le parti peggiori” è il nuovo singolo di Meazza, prodotto da Ioska Versari per l’etichetta FLEBO e distribuito da Artist First.

Con questo nuovo brano il cantautore milanese – al terzo singolo dopo i precedenti “STRxxxO” e “Mari Stregati”, brano vincitore del Festival di Sannolo 2020 – inquadra il progetto in un’ atmosfera elettro-pop con un testo che tocca, questa volta, il lato oscuro delle relazioni amorose.

Conosciamolo meglio!

Da dove viene l’ispirazione per il tuo singolo “Le parti peggiori”?

“Le Parti Peggiori tratta un argomento importante: l’aspetto “black” dell’amore. La manipolazione, l’ego, le insicurezze e tutti quegli elementi che ci portano a condurre relazioni “tossiche”. Il brano è nato, come sempre per i miei brani, di getto. Mi sono trovato a fare i conti con questa tematica solo dopo averla trattata e, di conseguenza, a fare i conti con ciò che stavo vivendo. Questo mi ha permesso di uscirne e  di vivere i miei rapporti successivi con più consapevolezza. Oggi anche grazie a questo, ho un rapporto sano e positivo con la mia compagna.”

C’è qualcosa di autobiografico nella tua musica o prendi semplicemente spunto dalla realtà che ti circonda?

“Sempre spunti autobiografici”

Che messaggio vuoi lanciare a chi ti ascolta e a chi ascolta il tuo nuovo singolo?

“Spero che il processo che ho messo in atto e che, appunto, mi ha aiutato a crescere, riesca in un qualche modo a raggiungere e ad arricchire il cuore di chi ascolta”.

Con quale artista del panorama italiano o internazionale vorresti collaborare e chi pensi ti abbia influenzato?

“Direi in ordine casuale: De Gregori, De André, Battisti, Club Dogo, Truceklan, Brokenspeakers, Oasis, Cesare Cremonini, Coez, I Cani”.

Progetti per il futuro?

Suonare e tornare a fare live, si spera. Inoltre abbiamo nuovi brani prodotti che aspettano solo di uscire. Valuteremo quale sarà la migliore strategia di lancio. Non vedo l’ora che possiate sentirli.”

nv-author-image

Francesca

Appassionata di musica e di scrittura, assidua frequentatrice di concerti, collaboro con testate giornalistiche online locali

Condividi questo articolo!

Vuoi entrare in un circuito di distribuzione e diffusione, in modo semplice e veloce?

promo emergenti

Il progetto ha la mission di incentivare la creatività, sviluppando una rete indipendente, alternativa al mainstream, che permetta agli artisti di avere visibilità, guadagni e sbocchi che rendano la loro attività artistica sostenibile. E’ ispirato alla filosofia Punk del DIY (Do It Yourself), dove l’unione di fanzine, giornalisti, promoter, manager, etichette discografiche, locali fuori dal circuito delle Major, creò un filone con un suo pubblico ed una sua identità.