Read Time:5 Minute, 6 Second

Disponibile dal 5 novembre “Come”, il nuovo ep dei Rebel Bit, il gruppo vocale con una partecipazione a Italia’s Got Talent, 5 nomination ai Contemporary A Cappella Recording Awards di Boston e 5 A Cappella Video Awards (Los Angeles).

L’ep è accompagnato dal singolo “Toccaterra” nel quale il gruppo omaggia, in una particolare rivisitazione tra sperimentazione elettronica e musica vocale, il brano di Emma Nolde.

Conosciamo meglio i Rebel Bit!

Quanto ha contato per voi la partecipazione a Italia’s Got Talent?

Italias got Talent è stata unesperienza estremamente stimolante, sia da un punto di vista professionale (una macchina organizzativa pazzesca!) che umano.. la risposta del grande pubblico ci ha fatto comprendere che stiamo lavorando nella giusta direzione.
Ci è servito per capire cosa volesse dire avere una platea così grande 🙂

Come nasce l’ispirazione per la vostra musica e quanto c’è di autobiografico?

Il nostro è un percorso sonoro che ha salde radici nella nostra formazione musicale e che si evolve tramite arrangiamenti originali (Lorenzo Subrizi) ed elaborazioni elettroniche inedite (Andrea Trona) combinati da una produzione (Erik Bosio) dal sound volutamente moderno/contemporaneo.
Tutto è nato da quello che siamo, abbiamo iniziato a lavorare insieme nel 2017 dopo molti anni di ricerca e di esperienze musicali.
Ci conosciamo da più di 10 anni e alcuni di noi sono letteralmente cresciuti insieme studiando e frequentando gli stessi ambienti musicali nella provincia di Cuneo.
Da qui l’idea di formare un progetto che unisse classicità e modernità creando veri e propri quadri sonori” in cui la fusione tra voce ed elettronica diventa il nostro tratto musicale distintivo.
Rebel indica la volontà di ricerca e di ribellione” alla classicità della musica vocale, bit” è una citazione al BIT elettronico che conferisce al nostro progetto un segno netto e distintivo.

Come mai avete deciso di omaggiare Emma Nolde con il brano “Toccaterra”?

Leggi anche:  Rebel Bit, da Italia's Got Talent all' EP "Come"

La scelta di Toccaterra deriva dall’esigenza di approfondire il mondo del nuovo cantautorato femminile italiano, ricercando il giusto connubio tra originalità e intensa musicalità.
Emma Nolde ci ha davvero stupiti con questo brano che abbiamo rielaborato in modo fortemente elettronico, unendo la sperimentazione sonora alla nostra vocalità.
Il resto l’ha fatto la voce solista di Giulia, che ha cercato di rendere in maniera profonda le splendide parole dell’autrice.

Come descrivereste il vostro EP e cosa non dovrebbe mai mancare in un pezzo firmato Rebel Bit?

“COME” parla di cambiamento in senso ampio e, soprattutto, di quello che è stato il nostro cambiamento artistico ed umano in questi anni.
Che si tratti di cover o inediti, raccontiamo il cambiamento della società, di noi al suo interno e del mondo in cui viviamo (come in Walk on water, Not a Fairytale e, in parte, in Scatto Lento) ma anche la paura del cambiamento (come in Toccaterra) o la speranza di rialzarsi e rinnovarsi ad esso legato (come in Trusty and True e Vince Chi Molla).
Un viaggio molto personale che ci sta dando tanto, soprattutto a livello umano.
Cosa non dovrebbe mai mancare? Sicuramente la voglia di portare un messaggio musicalmente intenso, stilisticamente forte e concettualmente impegnato.

 

Con quale artista del panorama italiano o internazionale vorreste collaborare e chi pensate vi abbia influenzato maggiormente?

Ehm.. da dove cominciare?
Abbiamo tutti e 4 influenze e gusti molto ampi. Sicuramente la nostra formazione accademica ci fa amare ed apprezzare gran parte della musica classica (corale e strumentale) ma anche, naturalmente, di quella moderna e contemporanea.
Il cantautorato italiano è una perenne fonte dispirazione e meraviglia; Niccolò Fabi e Lucio Dalla sono per noi i fari più luminosi.
A livello internazionale, invece, ci piacciono artisti poliedrici e talentuosi (Jacob Collier, Vulfpeck, Jamie Cullum, Sting…), su tutti dobbiamo dire che a livello di costruzione e concezione dei propri album i Coldplay ci hanno dato più di unidea 😉
Dovessimo scegliere una collaborazione?
Probabilmente la musica e le parole di Niccolò Fabi si sposano molto bene con quello che siamo; sappiamo che ha gradito molto (e ricondiviso) le nostre versioni dei suoi brani.. chissà che non nasca qualcosa!

 

Leggi anche:  Intervista a Uno.nessuno, musica, progetti in piena libertà!

Quali sono i vostri progetti per il futuro?

Stiamo passando un vero e proprio autunno di ripartenza.. e ne siamo entusiasti!
Il 13 Novembre saremo a Treviso per il Vivavoce International a cappella festival, poi il 22 saremo tra gli ospiti dell’Open week del CPM a Milano per concludere l’anno con alcune date “natalizie” tra Fossano (CN) e Cuneo. Il nuovo anno sarà tutta una scoperta, ma stiamo lavorando ad un progetto molto particolare che ci vedrà sul palco insieme a 50 bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close